Quando il design accende la luce

9 aprile 2013


Elemento tanto effimero quanto affascinante. Forza da controllare, governare, manipolare e guidare; la luce è protagonista di una nuova puntata di DE.SIGN, la serie con cui Sky Arte HD celebra il mondo della creatività. Trovando nell’evoluzione di un singolo oggetto, nella modulazione di un ambiente o nella formulazione di molteplici soluzioni formali, lo spunto per riflettere sull’estro e sull’inventiva; incontrando figure geniali e visionarie.

Un abbraccio vincente tra tecnica ed estetica, funzione e bellezza, forma e sostanza. Una sintesi mirabile quella che porta la luce artificiale nelle case di ognuno di noi: grazie ad oggetti che alternano apparente semplicità a meravigliosa raffinatezza progettuale. Sullo sfondo la necessità di raggiungere soluzioni dal basso impatto ambientale: è proprio nel campo dell’illuminotecnica che si sviluppano alcuni tra i migliori esempi di sostenibilità.

Riesce a ingabbiare e trattenere l’energia del sole, Ross Lovegrove: raccogliendola grazie ai pannelli del suo avveniristico “Solar Tree”, il lampione del futuro; il rapporto profondo tra luce naturale e artificiale diventa occasione per le fascinose visioni di Amalia Ercoli Finzi, professoressa emerita di ingegneria aerospaziale al Politecnico di Milano: si muove tra scienza e arte, presente e futuro il suo intrigante contributo.

Inevitabile l’incontro con le grandi aziende simbolo del made in Italy, leader nel campo dell’illuminazione: le telecamere di Sky Arte HD documentano le realizzazioni che i maggiori designer di sempre hanno prodotto per Flos e Artemide. Il viaggio nel mondo della luce prosegue con gli eccentrici progetti di Ron Gilad, le colorate ed estrose lampade della giovane Ionna Vautrin, le forme eclettiche di Inga Sempé