Romanzi da brivido, tra realtà e finzione

26 marzo 2013


Emozioni forti per una nuova serie di incontri con Boo(k)sta, l’appuntamento con cui Davide Dileo racconta grazie alla suggestione della musica le trame dei libri che hanno cambiato la sua vita. Un linguaggio inedito quello proposto dal tastierista dei Subsonica, a sua volta provetto scrittore, che compone suggestive colonne sonore, capaci di sintetizzare in maniera straordinariamente efficace le atmosfere di alcuni tra i più intriganti romanzi di sempre.

Una favola terribile e grottesca Il Profumo, vicenda che Patrick Süskind ambienta nella Francia del XVIII secolo. La brama di rivalsa di Grenouille, profumiere misantropo schiacciato dalla solitudine e dall’odio nei confronti dell’umanità, si risolve in un crescendo di violenza: l’utopia di governare le menti grazie alla creazione dell’aroma perfetto si rivela dramma diabolico, che si ritorce in un furioso delirio contro lo stesso protagonista.

L’arte? Follia allo stato puro per La famiglia Fang, sorprendente opera prima di Kevin Wilson. Il confine tra vita vera e realtà immaginata è labile per i coniugi Cabel e Camille, che inscenano continue azioni artistiche, trasformando la propria quotidianità in una serie di performance senza soluzione di continuità. Al punto da diventare, essi stessi, opera d’arte; in un tragicomico smarrimento del senso del lecito e della misura.

E se uno tra i più importanti presidenti degli Stati Uniti d’America fosse stato, in realtà, un avventuroso indagatore dell’incubo? Tesi da brivido per La Leggenda del Cacciatore di Vampiri, romanzo splatter con cui Seth Grahame-Smith immagina il violento e oscuro passato di Abraham Lincoln. Intrecciando vicende reali a pura finzione, tessendo una trama ad alta tensione: sospesa tra horror e fedele ricostruzione storiografica.