Roy Lichtenstein. Il disegno, innanzitutto

10 dicembre 2014


Lo conosciamo per i suoi dipinti e le serigrafie; siamo abituati a pensarlo, insomma, come dominatore del colore, quasi le forme nascessero in modo spontaneo come esplosioni cromatiche talvolta addirittura incontrollate. Alle origini di tutto c’è invece, anche per lui, il disegno: concetto tutt’altro che banale se rapportato al lavoro di chi ha partecipato ad una delle più importanti rivoluzioni del Novecento nel campo dell’immagine.

Il disegno è la base della mia arte. È là dove i miei pensieri prendono forma”  diceva di sé Roy Lichtenstein, tra i più importanti interpreti della Pop Art, ospite alla Galleria d’Arte Moderna di Torino con una mostra che sa scendere in profondità nel suo processo creativo, fino a individuarne l’essenzialità, i mattoni fondamentali. Un’esperienza illuminante quella orchestrata da Danilo Eccher, direttore del museo piemontese e curatore dell’evento; un’esperienza restituita dalle telecamere di Sky Arte HD in una nuova puntata di Grandi Mostre.

Grande di nome e mai come in questo caso anche di fatto l’evento della GAM. Lo è sì per le duecento opere esposte, a coprire una parentesi cronologica che si inaugura nell’immediato dopoguerra e arriva fino agli Anni Novanta; ma soprattutto perché sceglie di proporre un taglio curatoriale inedito per l’Italia, concentrandosi su un medium narrativo che – in riferimento a Lichtenstein – solo raramente è stato affrontato in modo così completo ed esaustivo.

Difficile raccogliere in un’unica sede espositiva così tanti disegni dell’artista: l’ultima volta è stata nel 1987, in occasione di una memorabile mostra al MoMA di New York; mentre per ritrovare un progetto analogo nel Vecchio Continente bisogna tornare indietro addirittura al 1975 e spostarsi al CNAC di Parigi. Dati che ci consegnano la misura del carattere squisitamente eccezionale di un evento unico nel suo genere. In senso letterale!

La curiosità – Un artista… da corsa Roy Lichtenstein! L’edizione 2014 di Art Basel Miami ha visto l’esposizione del rarissimo modello di BMW 320 completamente decorato dall’artista americano nel 1977: un esemplare che prima di finire in gallerie e musei è transitato a 290 km/h sul circuito di Le Mans.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close