Una serata con Mika, il re delle star

28 Gennaio 2014


Tra i suoi fan può annoverare anche un premio Nobel per la letteratura – il geniale Dario Fo – segno che la sua musica sa coinvolgere e affascinare davvero chiunque, in un mix energico di ritmo e melodia, nell’incontro riuscito tra un sound ricercato e raffinato e armonie dalla travolgente anima pop. È la star del momento Mika: istrionico a modo suo, sempre limpido e solare. Un’icona del nostro tempo, che si racconta in modo mai così esclusivo su Sky Arte HD.

La star ci invita nella pacata serenità della sua casa, come per una chiacchierata tra vecchi amici. Una lunga intervista a viso aperto, senza tabù e senza ritrosie, per affrontare i passaggi della sua esplosiva carriera internazionale, il rapporto con i fan e il successo; passando dai primi singoli fino alla recente pubblicazione di Songbook n°1 , l’album che raccoglie la prima parte di una carriera destinata ad essere lunga e fortunata.

Elegante, ospitale, tranquillissimo: Mika davvero non sembra lo stesso uomo che scarica sul palco la forza adrenalinica della migliore rockstar, lasciando senza fiato un pubblico in visibilio. Dopo essersi messo a nudo e aver condiviso la sua filosofia di vita, eccolo vestire i panni del camaleontico intrattenitore e guadagnare uno degli stage più affascinanti d’Europa. Le telecamere lo seguono al Parco dei Principi di Parigi per uno show indimenticabile.

Coreografie mozzafiato quelle scatenate da Mika, irrefrenabile e incontenibile nell’agitarsi tra acrobati spericolati e splendide ballerine, in un’esplosione energica di colore: il palco, inglobato in un sorridente volto da clown, diventa scatola magica nella quale sfilano personaggi da sogno. Ai suoi piedi sono quasi 60mila i fan che si scatenano sulle note di Relax, Take It Easy  e di Grace Kelly ; fino al tripudio della cover di Just Can’t Get Enough  dei Depeche Mode.

La curiosità – Attinge agli Anni Ottanta Mika, che non nasconde – anzi esplicita – la sua devozione per Freddie Mercury, e nei credits del suo primo singolo di successo svela in modo trasparente i suoi riferimenti. La linea melodica di Relax, Take It Easy  è costruita ascoltando (I Just) Died In Your Arms  dei Cutting Crew.


TAG >