Tom Ford come non l’avete mai visto

19 Novembre 2012


“Non ho mai permesso a nessuno di riprendermi in questo modo. Altre persone hanno cercato di farlo, ma io non l’ho mai e poi mai permesso”. Così Tom Ford, stella più luminosa del mondo della moda, cineasta raffinato e trend setter di indiscusso livello. Che certifica, con le sue parole, l’esclusività dell’appuntamento con una nuova puntata di Visionaries: un viaggio nei segreti di alcune tra le personalità più intriganti dello show-business.

Ford apre alle telecamere di Sky Arte HD le porte del suo studio di Londra, una vera e propria casa della creatività. Anche se sarebbe più corretto parlare di … un monolocale! Perché si riduce ad un’unica stanza l’incredibile factory dello stilista, che ama condividere ogni processo  di creazione con la propria squadra di collaboratori, per un flusso di idee che procede senza soluzione di continuità. Passando dal disegno di collezioni prêt-à-porter fino a giungere all’alta moda.

Niente di strano, in fondo, per un uomo che definisce se stesso come un “creativo compulsivo”. Tom Ford è sempre, costantemente e irrimediabilmente immerso in un universo di idee cui dare forma e sostanza. E lo è fin da bambino, come confida egli stesso a Visionaries, svelando intimi ricordi di infanzia, ripercorrendo gli anni della sua formazione e i primi passi di quella che sarebbe diventata una carriera folgorante.

Dal rilancio della maison Gucci fino al lavoro straordinario per il marchio Yves Saint Laurent, per arrivare – era il 2005 – al lancio di un brand che porta il suo nome. Tom Ford ha marchiato in modo indelebile la moda degli ultimi vent’anni; ma ha saputo anche esprimersi con linguaggi differenti. Lo ha dimostrato con lo splendido “A single man”, prima prova dietro la macchina da presa, per un film indimenticabile.