Tutta l’Italia. Nell’Umbria di McCurry

26 maggio 2014


Ha dato i natali a poeti magnifici, da un architetto della lingua italiana come Jacopone fino al sublime Sandro Penna. Ed è stata culla di santi dal fascino magnetico, personalità dotate del carisma di idee rivoluzionarie: come Francesco, l’uomo che ha cambiato la Storia dell’Occidente. E come Chiara. È solo per una mera questione orografica che non può vantare anche grandi navigatori: è probabile che, se fosse bagnata dal mare, avrebbe riunito in sé la condizione che la tradizione attribuisce all’Italia intera. Paese dai mille volti. Riassunti nell’Umbria.

Le specificità, la storia, l’arte e la cultura; i tesori naturalistici e la preziosa eredità di un artigianato che viene da lontano, di una ricchezza gastronomica di schietta sincerità. Qualsiasi eccellenza venga riconosciuta all’Italia in Umbria trova massima espressione: è quindi un piccolo, preziosissimo sunto di cosa sia il Bel Paese la grande mostra che a Perugia svela le meraviglie di una regione dal fascino assoluto.

Ed è forse fin riduttivo considerare Sensational Umbria  come un semplice evento espositivo. Trattasi di un progetto ben più articolato, di un’esperienza costruita giorno per giorno da uno dei massimi fotografi internazionali. Steve McCurry. Immerso con generosità nel tessuto sociale del territorio, a tu per tu con i suoi colori e sapori, emozioni e suggestioni. Con gli sguardi della sua gente, osservata non come il turista, ma come un complice compagno di viaggio.

È lo stesso fotografo americano ad accompagnarci nelle sale dell’Ex Fatebenefratelli, ospedale di Perugia riconvertito in spazio per le arti e al cultura. Dove si trova tanta parte delle immagini che ha scattato negli ultimi mesi, dimostrando la realtà di ciò che molti ritengono pura utopia: esiste una terra, nel cuore dell’Italia, dominata dalla bellezza. Premiata da un rapporto di fragile ma stupenda armonia tra l’uomo e ciò che lo circonda.

La curiosità – Non un fotografo come tutti gli altri, Steve McCurry. Non un progetto come tutti gli altri quello che ha realizzato per il celebre calendario Pirelli, per tradizione dedicato all’esaltazione della bellezza femminile. Undici le donne ritratte per l’edizione 2013 dal fotografo americano: tra loro nessuna modella in pose sensuali, ma personalità legate al mondo del volontariato e delle ONG a livello internazionale.