Una regina controcorrente

29 gennaio 2013

Freddie Mercury

Hanno cambiato la storia della musica, filtrando il rock nelle maglie di un virtuosismo prossimo alla purezza della classica; imponendo orchestrazioni magistrali, firmando riff e armonie che restano impresse nella memoria collettiva. Al pari dei loro set dal vivo e delle loro apparizioni in tv: i Queen sono stati vero e proprio fenomeno di costume, esperienza tra le più sfolgoranti nel panorama degli ultimi trent’anni.

La portata rivoluzionaria della band inglese trova cassa di risonanza proprio attraverso il piccolo schermo, dalle prime apparizioni al fondamentale “Top of the Pops” fino alla registrazione di videoclip incendiari e controcorrente: ricordati da Roger Taylor, batterista della band, in una nuova puntata di Video Killed The Radio Star. La serie che indaga, insieme ai protagonisti del rock, l’evoluzione del rapporto tra musica e immagine.

Ironia, divertimento e stupore: i video dei Queen sono radiografia dello spirito più scanzonato degli Anni Ottanta. Taylor racconta, insieme ai registi David Mallet e Russell Mulcahy, le pazzesche avventure vissute dalla band davanti alla macchina da presa. Imprescindibile il ricordo dell’epocale video per “I Want to Break Free”, con il gruppo che recita in panni drag: e Freddie Mercury a passare l’aspirapolvere in baffi e calze a rete…

Irriverente il frontman dei Queen, figura per definizione controcorrente. Le sue performance più incredibili, intense dal punto di vista canoro e travolgenti per carisma e presenza scenica, rivivono in un collage di grande emozione, costruito con aneddoti e particolari poco noti anche ai fans più accaniti. Dalla lavorazione di “Radio Ga-Ga” a quella di “It’s a Kind Of Magic”, fino a “The Great Pretender”: ecco, in tutto il suo splendore, il regno di un sovrano indimenticabile.