Una serata in riva all’Arno

17 Agosto 2015

Firenze Cupola Santa Maria del Fiore

Il Rinascimento ha significato per il mondo ben più di una serie di capolavori d’arte: è una parentesi storica che ha cambiato il corso degli eventi, inaugurando l’età moderna grazie alla sua fresca ventata di novità in ambito culturale e scientifico. Vivere nella Firenze de’ Medici doveva essere entusiasmante, dando a intellettuali e artisti la sensazione di trovarsi nel cuore stesso della Storia… mentre veniva scritta.
La Notte a Firenze in programma su Sky Arte HD offrirà agli spettatori l’occasione per guardare con occhi nuovi, come se fosse la prima volta, a quelle opere straordinarie che oggi sono sotto gli occhi di tutti, e proprio per questo sono forse troppo spesso date per scontate…

Spettacolari riprese ci portano subito nei cieli del capoluogo toscano: le telecamere di Sette Meraviglie si spingono fino alla cupola del Brunelleschi, per uno sguardo mai così approfondito e ravvicinato sull’impresa ingegneristica e architettonica più incredibile dell’epoca. La realizzazione del Duomo della città è un autentico miracolo della tecnica, che tuttora nonostante gli sviluppi del sapere rappresenta un risultato in perfetto equilibrio tra creatività e calcolo matematico.
A poche decine di metri ecco la Galleria degli Uffizi; ed ecco attenderci al suo interno Greta Scacchi, protagonista della serie Capolavori Svelati. Una lezione di storia dell’arte di grande fascino, quella con cui l’attrice ci introduce ai misteri della Venere dipinta da Sandro Botticelli.

Sarà poi Graham McPherson, in arte Suggs, a farci compagnia nel nostro itinerario fiorentino. Lo sguardo è quello del turista curioso ma rispettoso, attratto dalla possibilità di entrare in simbiosi con la città che visita, superando luoghi comuni e facili stereotipi. Al volante della sua rombante Mini, icona british per eccellenza, Suggs si spinge alla scoperta di tesori solo apparentemente nascosti, spesso obliati dalla frenesia della quotidianità.

Proprio quest’anno, poi, ha un particolare legame con uno dei massimi autori della storia letteraria italiana: nel 2015 ricorre il 750° anniversario dalla nascita di Dante Alighieri, che attraverso la Divina Commedia – e non soltanto quella – ha gettato le basi per la stessa identità linguistica della nazione.
L’opera per cui Dante è maggiormente conosciuto, però, offre diversi livelli di lettura. Tanto, che sin dall’Ottocento si è andata formando un filone di ricerca incentrato sul contenuto esoterico della Divina Commedia. Oltre che tra i più famosi autori del suo tempo, Dante potrebbe essere anche uno dei massimi iniziati del Trecento…

Commentate sui social network la serata tematica utilizzando l’hashtag #NotteAFirenze.