Vincent e Paul, caratteri esplosivi

26 Luglio 2013


Due personalità eccentriche, difficili, intrattabili. Il loro incontro è una miscela esplosiva, dirompente, capace di sfociare nel dramma più acceso e sfiorare conseguenze irreparabili. Eppure la loro breve e controversa convivenza, benché durata lo spazio di pochi mesi, rappresenta uno tra i momenti più incredibili della storia dell’arte. A sconvolgere e turbare la sonnacchiosa Arles sono le follie di Vincent Van Gogh e Paul Gauguin.

Due tra gli artisti più importanti del XIX secolo, figure determinanti per l’evoluzione della pittura moderna; due uomini tormentati, dilaniati da opposte esigenze creative: l’uno animato da irrefrenabile desiderio di libertà, l’altro ossessionato dai fantasmi di un insopprimibile male di vivere. Gauguin e Van Gogh sono protagonisti di una nuova puntata di Destini Incrociati Hotel, serie animata ispirata al format radiofonico firmato per Radio 24  da Giacomo Zito.

Paul raggiunge Vincent in Provenza nel 1888 su richiesta di Theo Van Gogh, preoccupato – a ragione – per lo stato di salute psichica del fratello. Quest’ultimo pensava di accogliere un amico e un confidente, con cui gettare le basi per scrivere una nuova pagina della propria vita. Non sapeva che il suo ospite si sentiva in realtà alla stregua di un carcerato, costretto a quel soggiorno maldigerito dalla necessità di ottenere il denaro promesso da Theo.

Il rapporto si fa teso, in un crescendo di prevaricazioni e violenza; tra bevute d’assenzio, nottate nei bordelli, estenuanti conversazioni. Manche in un vortice di inarrestabile creatività. Dipingono molto, entrambi, firmando capolavori che troveranno il proprio posto nella storia dell’arte. E litigano furiosamente, arrivando anche allo scontro fisico. Con Vincent che viene scorto mentre insegue l’amico, per strada, brandendo un rasoio…

La curiosità –  Vincent Van Gogh minaccia Paul Gauguin con un rasoio. Poi se ne pente, si punisce tagliandosi parte dell’orecchio sinistro e consegnando il macabro trofeo ad una prostituta, prima di farsi soccorrere ed essere ricoverato in un ospedale psichiatrico. Questa la versione ufficiale della vicenda, messa in discussione da Hans Kaufmann e Rita Wildegans, due ricercatori di Amburgo convinti che a ferire Vincent sia stato, in realtà, proprio Gauguin.