Sky Arte HD
SkyArte

Uniti contro il sisma, anche la cultura italiana scende in campo

26 agosto 2016

Chiesa di San Giovanni AMATRICE-Foto Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale

È un’iniziativa di reale solidarietà, quella elaborata dal Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini in risposta al cataclisma naturale che, nella notte di mercoledì 24 agosto, si è abbattuto su Umbria, Abruzzo e Marche, radendo al suolo intere cittadine e causando dolore, distruzione e perdita di vite umane.

A sostegno dei territori colpiti, il MiBACT ha annunciato che destinerà gli incassi dei musei e delle aree archeologiche statali di domenica 28 agosto a interventi sul patrimonio culturale pesantemente danneggiato dal sisma. Una risposta forte e tempestiva a una catastrofe che ha messo in ginocchio gran parte dell’Italia centrale.

Con la dovuta priorità assegnata alla messa in sicurezza degli sfollati e al recupero dei superstiti, anche il Ministero dei Beni Culturali si è mosso rapidamente per stilare una lista dei danni agli edifici e ai siti di valore artistico. Una prima stima vede ammontare a 293 “gli immobili di valore culturale crollati o gravemente danneggiati”, secondo quanto riferito dal ministro Franceschini.

Un numero destinato probabilmente ad aumentare, complice la forza del terremoto e delle scosse successive, che hanno messo a dura prova le meraviglie artistiche custodite dai paesi colpiti, fra cui la Basilica di San Francesco e il Museo Civico alla Chiesa di Sant’Agostino ad Amatrice, la Chiesa di Santa Croce di Arquata del Tronto e l’Eremo della Madonna della Stella a Poggiodomo.

[Immagine in apertura: Chiesa di San Giovanni, Amatrice, dopo il terremoto del 24 agosto 2016. Photo by Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close