Sky Arte HD
SkyArte

L’Italia raccontata dai fotografi di Magnum

9 maggio 2018

Mancano solo pochi giorni all’inaugurazione de L’Italia di Magnum. Da Cartier-Bresson a Paolo Pellegrin, la mostra che dal 9 maggio al 22 luglio animerà gli ambienti del Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano con 130 immagini, firmate da 20 tra i più noti fotografi del secolo scorso, legati alla storica agenzia Magnum Photos.

70 anni dopo la fondazione di Magnum, avvenuta a New York per volere di Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, David Seymour, George Rodger e William Vandivert, la rassegna meneghina punterà lo sguardo sul racconto per immagini del nostro Paese, dal dopoguerra all’epoca attuale, a opera di fotografi a loro volta passati alla Storia.

Lungo un percorso cronologico, il pubblico potrà ammirare il reportage del viaggio in Italia di Cartier-Bresson negli anni Trenta, la serie di Robert Capa dedicata alle rovine causate dalla Seconda Guerra Mondiale e gli scatti di David Seymour che testimoniano il ritorno dei turisti nella Cappella Sistina, due anni dopo la fine del conflitto.
La rinascita del Paese negli anni Cinquanta è immortalata da Elliott Erwitt, mentre René Burri varca le soglie della mostra che portò a Milano, nel 1953, il capolavoro picassiano Guernica; nel mentre, Herbert List ritrae Cinecittà.

Gli anni Sessanta delle Olimpiadi di Roma, del boom economico ma anche della morte di Palmiro Togliatti riecheggiano nelle fotografie di Thomas Hoepker, Bruno Barbey ed Erich Lessing, e il complesso decennio successivo trova acute testimonianze negli scatti di Ferdinando Scianna, Leonard Freed e Raymond Depardon.
Se gli anni Ottanta “portano la firma” di Martin Parr e Patrick Zachmann, i Novanta rivivono attraverso gli occhi di Alex Majoli, Thomas Dworzak, Peter Marlow e Chris Steele Perkins. Chiudono il percorso le immagini di Paolo Pellegrin, che riassume la nostra epoca con la folla riunita per i funerali di Papa Giovanni Paolo II e un barcone carico di migranti nel Mediterraneo.

[Immagine in apertura: Martin Parr, Venezia, 1989 © Martin Parr / Magnum Photos]