Sky Arte HD
SkyArte

Frida Kahlo “regina” del Brooklyn Museum di New York

6 febbraio 2019

Nickolas Muray, Frida Kahlo a New York

Basata sulla retrospettiva Frida Kahlo: Making Her Self Up, curata da Claire Wilcox e Circe Henestrosa, con Gannit Ankori per il Victoria & Albert Museum di Londra, Frida Kahlo: Appearances Can Be Deceiving colma una lunga assenza dell’iconica artista messicana dalla programmazione espositiva statunitense. Sono gli spazi del Brooklyn Museum, a New York, a “porre fine” a questa mancanza, aprendo le proprie porte a una rassegna, visitabile dall’8 febbraio al 12 maggio, che intende condurre i visitatori oltre la narrazione stereotipata che avvolge l’autrice e la sua produzione.

Per centrare questo obiettivo, i curatori hanno scelto di presentare – per la prima volta negli Stati Uniti – una selezione degli oggetti personali di Kahlo sui quali vigeva una “regola” imposta dal marito della pittrice, il muralista Diego Rivera: secondo quella disposizione, quanto appartenuto a entrambi sarebbe infatti rimasto rinchiuso nella mitica Casa Azul fino a 15 anni dopo la morte di Rivera, senza che nessuno potesse toccarlo.
In realtà, solo nel 2004 questo patrimonio è stato riportato alla luce e inventariato, gettando nuova luce sulla dimensione intima e privata della coppia e di Kahlo in particolare e fornendo a studiosi e visitatori nuovi materiali per riflettere sull’eredità culturale dell’artista, sulle sue convinzioni politiche, sulle difficoltà che hanno accompagnato il suo percorso di vita.

Per i curatori del progetto espositivo, l’artista è una delle poche donne del settore, attive nel Novecento, che è riuscita a imporre il proprio status di “icona culturale duratura”. Il suo stile, unico e immediatamente riconoscibile, era parte integrante della sua identità, della sua fisicità, della sua disabilità, della sua complessa personalità: il tutto è stato veicolato anche grazie alla sua arte. Il percorso espositivo combina pezzi originali del suo abbigliamento, alcuni degli immancabili accessori e gioielli, i corsetti e le protesi, tra cui quelli dipinti a mano.
Con l’intento di gettare nuova luce su una figura che negli ultimi anni ha conquistato ampia notorietà, la mostra riunisce anche dipinti come Self-Portrait with Necklace (1933), SelfPortrait with Braid (1941) e Self-Portrait as a Tehuana, Diego on My Mind (1943), esplicitamente riferibili ad alcuni dei pezzi esposti, fotografie che ritraggono Kahlo secondo l’obiettivo del fotografo Guillermo Kahlo e alcune immagini private dell’artista e di suo marito.
A testimonianza dei comuni interessi e sulle passioni condivise della coppia, ad esempio a livello collezionistico, verranno proposte presentate opere della collezione Arts of the Americas del Brooklyn Museum, tra cui antiche ceramiche, sculture azteche e antiche rappresentazioni di cani Colima, che hanno come soggetto i cani senza pelo (Xoloitzcuintli) amati dalla pittrice.

Il titolo della mostra tra la propria origine da un disegno a colori al quale Kahlo ha associato la medesima espressione, ovvero “Las apariencias engañan“.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close