Tra fotografia e musica. Andy Summers a Milano

30 marzo 2016


È un’esposizione destinata a lasciare il segno, quella ospitata dalla Leica Galerie Milano fino al prossimo 3 maggio. Il bianco e nero fotografico di Andy Summers anima gli spazi della galleria meneghina, offrendo al pubblico l’occasione di ammirare i 40 scatti che compongono il progetto Mysterious Barricades.

Ispirata al titolo dell’omonimo successo discografico, la raccolta di immagini celebra il legame inscindibile tra il famoso chitarrista dei Police, la musica e l’arte dello scatto, ripercorrendo la vita di Summers lungo i binari delle sue passioni.
La mostra celebra i vari momenti della produzione fotografica dell’artista, cogliendo l’influenza esercitata su di essa dalla musica.

Sempre in viaggio da una parte all’altra del mondo, Summers descrive, attraverso le proprie opere, situazioni sospese o in progress, trasmettendo un senso di intimità, spesso malinconica e surreale, che evoca le sue melodie. Dall’altopiano della Bolivia alle strade di Napoli fino alle vedute di Shanghai, l’artista è capace di immortalare la realtà mescolando suggestioni visive e musicali, in un linguaggio coerente ed efficace.

Punto di riferimento per i musicisti di tutto il mondo, Andy Summers ha raggiunto il successo agli esordi degli Anni Ottanta insieme ai Police, proseguendo poi la sua carriera come solista e compositore di colonne sonore e guadagnandosi una fama planetaria. Tutto ciò non gli ha impedito di dedicarsi alle altre sue passioni – come la scrittura e la fotografia – complementari alla naturale propensione verso la musica.

[Immagine in apertura: un dettaglio di Lotus, Hong Kong 2015 © Andy Summers]