Le fotografie di W. Eugene Smith in mostra a Milano

23 settembre 2016

W. Eugene Smith. ©Collection Center for Creative Photography, The University of Arizona

I suoi scatti hanno fatto il giro del mondo, grazie a uno stile capace di coniugare la potenza visiva alla profondità dei contenuti, garantendogli una fama planetaria. Oggi, un vero e proprio caposaldo della fotografia reportagistica approda a Milano, protagonista della mostra W. Eugene Smith. Usate la verità come pregiudizio.

La rassegna, allestita dal 24 settembre al 4 dicembre, inaugurerà i nuovi spazi del Centro Culturale di Milano, nel cuore della metropoli lombarda. Ideata da Camillo Fornasieri e curata da Enrica Viganò, l’esposizione presenterà sessanta original print che ripercorrono la carriera del fotografo americano attraverso i suoi cicli più famosi, realizzati tra il 1945 e il 1978 e provenienti dalla collezione privata newyorkese di H. Christopher Luce.

Caratterizzati da una forte componente di denuncia sociale, gli scatti di Smith testimoniano alcuni momenti cardine del secolo scorso – della depressione alla Seconda guerra mondiale, dalle battaglie nel Pacifico a Okinawa, dove venne gravemente ferito, fino alla serie del Country Doctor, commissionatagli dalla rivista Life e incentrata sulla vita di un medico della campagna americana.

[Immagine in apertura: un ritratto di W. Eugene Smith © Collection Center for Creative Photography, The University of Arizona]