Sarà Cecilia Alemani la direttrice della Biennale Arte di Venezia nel 2021

10 gennaio 2020

Cecilia Alemani. Photo Marco De ScalzI, Via Artribune

Spetterà alla curatrice di origini milanesi Cecilia Alemani tenere le redini della prossima Biennale Arte di Venezia, in programma nel 2021. A deciderlo è stato oggi il CdA dell’istituzione lagunare presieduta da Paolo Baratta, che ha individuato nella Alemani la figura più adatta a ricoprire il ruolo direttivo del Settore Arti Visive nell’ambito della 59. Esposizione Internazionale d’Arte.

CECILIA ALEMANI, DA NEW YORK A VENEZIA

Già curatrice del Padiglione Italia alla Biennale Arte 2017, Cecilia Alemani ha saputo distinguersi nel panorama della curatela internazionale, collaborando con numerosi musei e assumendo l’incarico di responsabile di High Line Art, il programma di arte pubblica del parco urbano newyorkese costruito, in anni recenti, su una ferrovia in abbandono della Grande Mela.

È un grandissimo onore poter assumere questo ruolo in una delle istituzioni italiane più prestigiose e riconosciute al mondo. Come prima donna italiana a rivestire questa posizione, capisco e apprezzo la responsabilità e anche l’opportunità offertami e mi riprometto di dare voce ad artiste e artisti per realizzare progetti unici che riflettano le loro visioni e la nostra società”, così la Alemani ha commentato l’annuncio della nomina, rendendo ancora più spasmodica l’attesa nei confronti della prossima Biennale Arte di Venezia.

[Immagine in apertura: Cecilia Alemani. Photo Marco De Scalzi, Via Artribune]