A Pontedera, il paesaggio italiano attraverso gli occhi degli artisti

3 gennaio 2020

Superstudio, Morte (Il cimitero di Modena) Superstudio 1971-1973, 1973 litografia a colori, 700 x 1000 mm

Si è da poco inaugurata a PALP Palazzo Pretorio Pontedera una mostra incentrata sull’evoluzione del tema paesaggistico in termini estetici e sociali. Si tratta dell’esposizione Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni che, fino al 26 aprile, permetterà di compiere un affascinante percorso fra i sentimenti e le riflessioni che il paesaggio ha ispirato negli artisti.

LE SEZIONI DELLA MOSTRA

Divisa in più tappe, la mostra ruoto attorno ad alcune suggestive sezioni: Un autentico sentimento della natura, incentrata sulla pittura e fotografia italiana del secondo Ottocento; La stagione del Futurismo, rappresentata da opere di Giacomo Balla, Leonardo Dudreville e Gerardo Dottori, Enrico Pedrotti, Fortunato Depero; L’età delle trasformazioni: l’invenzione delle città, dominata dalla geometria del razionalismo in epoca fascista; Dagli anni Venti alla guerra, dedicata alla pittura novecentesca caratterizzata dall’impossibile recupero di una perduta Arcadia.

Il paesaggio devastato: gli anni della guerra riunisce opere di artisti del calibro di Mario Mafai e Afro Basaldella, che rispondono al clima dell’epoca con lavori carichi di sgomento e angoscia, mentre Dal 1960 al 1990 punta lo sguardo sulle ricerche postinformali e astratte. La rassegna si conclude con la sezione Fino ai nostri giorni, dove prevalgono i linguaggi del video e delle installazioni tridimensionali.

[Immagine in apertura: Superstudio, Morte (Il cimitero di Modena) Superstudio 1971-1973, 1973 litografia a colori, 700 x 1000 mm]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close