Addio a Renato Bialetti, l’omino della moka

12 febbraio 2016

moka omino bialetti renato

Renato Bialetti, uno dei grandi nomi del made in Italy, si è spento nella notte tra il 10 e l’11 febbraio ad Ascona, in Canton Ticino, dove risiedeva ormai da anni. Originario di Omegna, sul Lago d’Orta, Bialetti apparteneva alla dinastia nota in tutto il mondo per aver dato vita a un oggetto divenuto emblema dell’italianità: la moka.

Fu il padre Alfonso a inventare la caffettiera nel 1933, ispirandosi all’ingegnoso sistema di risalita di sapone e cenere al contatto con l’acqua usato dalle donne del tempo per lavare i panni. Nel 1946, Renato prese le redini dell’attività di famiglia, investendo su vincenti strategie di marketing, che fecero conoscere l’utilissima moka a un pubblico sempre più vasto.

Uno dei mezzi più efficaci cui Renato Bialetti ricorse fu senza dubbio la pubblicità. Nel 1953 Carosello fece conoscere agli spettatori l’ormai leggendario “omino coi baffi”, l’iconico personaggio inventato dal fumettista Paul Campani ricalcando i tratti somatici dello stesso Renato. L’omino baffuto è diventato in men che non si dica il simbolo di un oggetto entrato di diritto nelle collezioni museali di tutto il mondo, come il MoMA di New York e La Triennale di Milano.

[Immagine in apertura: foto di Jing, fonte Flickr]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close