Fotografia sotto i riflettori. A Milano

27 aprile 2016


Mancano ormai poche ore all’inaugurazione ufficiale di MIA Photo Fair, la fiera milanese intitolata alla fotografia d’arte. Dal 29 aprile al 2 maggio, The Mall – il centro polifunzionale del quartiere Porta Nuova Varesine – ospiterà la sesta edizione dell’evento, che riunirà nella metropoli lombarda professionisti e appassionati.

Anche quest’anno i numeri si preannunciano di tutto rispetto: 80 gallerie provenienti da 13 nazioni e 230 artisti esposti in 109 stand, cui si aggiungono 16 artisti indipendenti e altrettanti editori specializzati.
Al consueto format – che permette alle gallerie di allestire mostre collettive o monografiche – la fiera accosterà Proposta MIA, una selezione di fotografi chiamati a esporre le proprie opere in maniera individuale, tra cui Roberto Polillo, Andrea Bugno e Yuri Catania.

Numerosi anche i riconoscimenti. Il premio intitolato a BNL Gruppo BNP Paribas sarà assegnato da una giuria qualificata a uno dei fotografi partecipanti, la cui opera sarà inclusa nel patrimonio artistico della banca. A questo si aggiungeranno il Premio Archivi “Tempo ritrovato – fotografie da non perdere” e l’inedito Premio in memoria di Massimo Gatti, mentre Lavazza accoglierà nel suo Caffè artistico un tributo al fotoreporter giornalistico Mario De Biasi. Talk e incontri catalizzeranno l’attenzione del pubblico su tematiche attuali, come il fenomeno della migrazione, discusso da Corrado Levi, Liu Bolin, Massimo Sestini e Fabio Bucciarelli.

Come ogni anno, Photofestival – la rassegna “diffusa” fra le numerose sedi espositive milanesi – contribuisce a tenere alta l’attenzione sulla fotografia grazie a un centinaio di mostre, stavolta dedicate al design. Fino al 12 giugno, saranno molti gli appuntamenti in città e nell’hinterland, come la mostra di Herb Ritts a Palazzo della Ragione Fotografia, l’esposizione incentrata su Andy Summers alla Leica Galerie e la rassegna in onore di Robert Doisneau all’Arengario di Monza.

[Immagine in apertura: MIA Photo Fair, Milano, photo M. Tarantini]