L’arte del Medio Oriente e del Nord Africa al Guggenheim

7 maggio 2016

Nadia Kaabi-Linke, Flying Carpets, 2011. Stainless steel and rubber, 420 cm x 13 m x 340 cm, edition 2/2 (First edition commissioned by the Abraaj Group Art Prize). Solomon R. Guggenheim Museum, New York, Guggenheim UBS MAP Purchase Fund 2015.92 - Nadia Kaabi-Linke. Installation view: The Abraaj Group Art Prize, Madinat Jumeirah, Dubai, March 16-19, 2011. Photo: Thomas Brown (PRNewsFoto/Solomon R. Guggenheim Museum)

Si rinnova l’appuntamento con The Guggenheim UBS MAP Global Art Initiative, il progetto incentrato sulla creatività contemporanea del Sud e Sud Est asiatico, dell’America Latina, del Medio Oriente e del Nord Africa. Proprio a queste ultime aree geografiche è dedicata la terza edizione dell’iniziativa, in corso al Solomon R. Guggenheim Museum di New York fino al 5 ottobre.

But a Storm Is Blowing from Paradise: Contemporary Art of the Middle East and North Africa raccoglie diciotto opere, molte delle quali di tipo installativo e di grandi dimensioni, realizzate da diciassette artisti. Il titolo della mostra coincide con quello del lavoro di Rokni Haerizadeh del 2010, a sua volta ispirato a una citazione di Walter Benjamin.

Le opere esposte – un mix di installazioni, fotografie, sculture e video – puntano lo sguardo su alcune importanti tematiche legate al Medio Oriente e al Nord Africa, come il colonialismo e l’immigrazione, sullo sfondo di un’indagine architettonica e storica.

[Immagine in apertura: Nadia Kaabi-Linke, Flying Carpets, 2011. Solomon R. Guggenheim Museum, New York, Guggenheim UBS MAP Purchase Fund 2015.92 – Nadia Kaabi-Linke. Installation view: The Abraaj Group Art Prize, Madinat Jumeirah, Dubai, March 16-19, 2011. Photo: Thomas Brown, PRNewsFoto/Solomon R. Guggenheim Museum]