Il nuovo centro culturale di Atene è firmato da Renzo Piano

26 giugno 2016

Renzo Piano, Centro Culturale Stavros Niarchos, Atene © Michel Denancé

Con lo speciale programma culturale Metamorphosis – che prevede 4 giorni di aperture straordinarie, visite guidate e performance artistiche, in corso fino a domenica 26 giugno – Atene e la sua cittadinanza stanno celebrando l’apertura dello Stavros Niarchos Foundation Cultural Center. Dopo 8 anni dall’affidamento della commessa e a 4 dall’avvio del cantiere, il primo progetto di RPBW – Renzo Piano Building Workshop in Grecia è stato finalmente ultimato, con la speranza che possa rappresentare un segnale di fiducia e di ripresa dopo gli anni difficili che hanno visto protagonista il Paese mediterraneo.

Situato nell’area del vecchio ippodromo di Atene, nel quartiere Kallithea a 4 chilometri dal centro della capitale, il nuovo centro culturale è stato interamente finanziato – con un investimento di 596 milioni di euro – dalla Fondazione Stavros Niarchos, tra le principali organizzazioni filantropiche private del mondo, attiva nel sostegno agli ambiti delle arti, della cultura, dell’istruzione, della salute e dello sport.
Edificato su un’area di 23 ettari, a ridosso del mare, ospita la Greek National Opera e i suoi due teatri – uno principale per 1400 spettatori, uno sperimentale per 400 – e la Biblioteca Nazionale, nella quale troveranno dimora 750mila volumi.

Renzo Piano, Centro Culturale Stavros Niarchos, Atene © Michel Denancé

A qualificare il progetto dell’architetto genovese Renzo Piano sono le innovative soluzioni tecnologiche concepite per questa struttura, realizzate dall’impresa italiana Salini-Impregilo, alla guida della joint venture cui è stata affidata la fase di esecuzione del Centro. Su tutte emerge la cosiddetta Energy Canopy, la grande copertura che – con 5.560 pannelli fotovoltaici – sarà in grado di generare 2.280 kwh di produzione/anno di energia elettrica: è stato stimato che questa quota consentirà alla struttura di rispondere al proprio fabbisogno in misura “quasi indipendente”.
Estese superfici vetrate, una piazza ad accesso libero – l’Agorà, per la quale è stata impiegata la varietà di marmo Dionysos, tipica del territorio locale – e un canale che intende riconnettere l’area del Centro con il mare contribuiscono a definire l’impronta dell’edifico, pronto ora ad accogliere la popolazione locale e i turisti.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close