Weimar festeggia i cento anni del Bauhaus dedicandogli un intero museo

7 aprile 2019

Bauhaus Museum Weimar, area del percorso espositivo dedicata a Mies van der Rohe. Photo by Andrew Alberts, copyright heike hanada laboratory of art and architecture 2019

A Weimar, là dove è nata la più influente e celebrata scuola di arte e design del Ventesimo secolo, questo è stato un weekend di festeggiamenti: nella città tedesca è stato inaugurato il Bauhaus Museum Weimar, a celebrare non soltanto il centenario della fondazione dell’istituto, ma anche la sua inesauribile eredità per il mondo della progettazione presente e futuro.
A partire dall’interrogativo di Walter Gropius, “Come vogliamo vivere assieme?”, il Bauhaus Museum Weimar racconta la storia della scuola proprio evidenziando le questioni sollevate e tuttora aperte, fondamentali per concepire l’ambiente abitato dall’uomo anche nei tempi a venire.
“Al centro del concept del museo c’è l’idea di presentare il modernismo come una ‘battaglia’ di idee, esemplificate dagli oggetti esposti”, ha spiegato Hellmut Seeman, presidente del Klassik Stiftung Weimar. Il percorso espositivo può in effetti avvalersi della primissima collezione al mondo di testimonianze e progetti relativi al Bauhaus.

Bauhaus Museum Weimar. Photo by Andrew Alberts, copyright heike hanada laboratory of art and architecture 2019

A custodire un simile repertorio è l’edificio firmato da Heike Hanada, un’architettura cubica di chiaro sapore minimalista, che si sviluppa su 5 piani per un totale di 2mila metri quadrati di superficie espositiva.
Una costruzione “con una presenza urbanistica di grande impatto”, l’ha definita la stessa progettista, che ha però specificato come il Bauhaus Museum Weimar non sia un edificio monolotico, essendo “definito dalla sua funzione nella sfera pubblica. La si vede riflessa nel design dell’architettura, che presenta due piani aperti e una serie di scalinate, per incoraggiare gli avventori a una “passeggiata” nel museo. A conferire ulteriore trasparenza tra esterno e interni sono le finestre sovradimensionate, sia orizzontali sia verticali, attraverso le quali il museo, la città e lo Schwansee Park interagiscono.

[Immagini: photos by Andrew Alberts, copyright heike hanada laboratory of art and architecture 2019]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close