Il meglio della fotografia nell’Art Collection Deutsche Börse

2 maggio 2019

Joseph Szabo, Priscilla, 1969, courtesy of the artist, via foam.org

Normalmente esposte negli uffici e nelle sedi del Gruppo Deutsche Börse, le opere d’arte raccolte nel corso di due decenni dall’importante società del settore finanziario – e confluite nell’Art Collection Deutsche Börse – vengono presentate al Foam Museum di Amsterdam nel corso di quattro progetti espositivi successivi. L’iniziativa è stata promossa in occasione del ventesimo anniversario dall’istituzione della collezione, considerata tra le più rilevanti a livello mondiale per quanto concerne la fotografia; tra gli artisti presenti con i loro lavori si segnalano Diane Arbus, Walker Evans, Bernd & Hilla Becher, Rineke Dijkstra e Dana Lixenberg, solo per citare una minima selezione.

Ad avviare il ciclo di mostre è il “capitolo” dedicato alla Germania, che viene presentato dal 3 al 19 maggio. In questo caso l’attenzione si concentra sul lavoro dei fotografi tedeschi e sulle loro modalità di rappresentare e raccontare il contesto nazionale; le fotografie in mostra sono state realizzate, tra gli altri, da autori della cosiddetta “Düsseldorfer Becher-Schule” e include preziosi scatti di Gerd Danigel, Gabriele e Helmut Nothhelfer e Helga Paris.
Il concept proseguirà con ulteriori focus dedicati a temi chiave della collezione, scelti a cura della Deutsche Börse Photography Foundation. Le fotografie di Diane Arbus, Philip-Lorca diCorcia, Rineke Dijkstra, Walker Evans, David Goldblatt, Dana Lixenberg, Nicholas Nixon e Martin Parr saranno presentate nel secondo capitolo, Icons – dal 21 maggio al 9 giugno. Sarà quindi la volta di Traces of Disorder, dall’11 al 23 giugno, e quindi di Youth Culture, dal 25 giugno al 7 luglio.

[Immagine in apertura: Joseph Szabo, Priscilla, 1969, courtesy of the artist, via foam.org]