L’omaggio di Genova al “suo” Bernardo Strozzi

15 novembre 2019


Ritenuto uno dei massimi rappresentanti del Barocco ligure, Bernardo Strozzi è al centro della retrospettiva in corso fino al 12 gennaio nelle sale di Palazzo Nicolosio Lomellino di Genova: un percorso monografico in omaggio all’autore, attraverso una selezione di capolavori in parte mai visti prima.

TRA NATURE MORTE E AFFRESCHI

Curata da Anna Orlando e Daniele Sanguineti, la rassegna ‒ dal titolo Bernardo Strozzi (1582-1644). La conquista del colore ‒ porta sotto i riflettori circa quaranta opere tra pale d’altare, nature morte e ritratti su legno.

A partire dagli esiti giovanili d’influsso caravaggesco, fino ai risultati più maturi della ricerca del pittore, la mostra mette in risalto le tappe principali della carriera di Strozzi, evidenziando i frutti più alti del suo operato. Cuore della mostra è tuttavia la sala dedicata all’affresco Allegoria della Fede che giunge nel Nuovo Mondo, compiuto dall’artista negli anni Venti del Seicento, e qui esaltato attraverso un’accattivante sistema di specchi, realizzato per apprezzare al meglio la qualità e l’eccezionalità del dipinto.

[Immagine in apertura: Bernardo Strozzi, Natura morta con vaso di maiolica, fiori e frutti, olio su tela, cm 81 x 110. Collezione Poletti]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close