Una stele getta nuova luce sulla civiltà etrusca

5 aprile 2016

stele iscrizione mugello valley archeological project lingua antichi etruschi

Ha fatto il giro del mondo la notizia del ritrovamento di una stele in pietra nel sito archeologico di Poggio Colla, a nord est di Firenze, da parte del team del Mugello Valley Archaeological Project. Risalente a circa 2500 anni fa, il prezioso reperto potrebbe fare finalmente luce sui misteri di una civiltà antica e affascinante come quella etrusca.

Alta oltre un metro e pesante più di 200 chilogrammi, la stele appartiene alle fondamenta di un tempio costruito in un periodo successivo, confermando il proprio ruolo di oggetto cultuale. I tratti che ne solcano la superficie riportano 70 lettere leggibili e alcuni elementi di punteggiatura, vera chiave di volta dell’intera scoperta. Non trattandosi di un testo funerario, ma di una lunga – e quindi rara – iscrizione, potrebbe infatti contenere nuove parole dell’antica lingua, come sottolineato da Gregory Warden, co-direttore del progetto.

Le notizie in possesso degli studiosi sulla cultura degli Etruschi derivano per lo più dalle loro elaborate necropoli e dagli annessi testi legati ai riti funebri.
Tuttavia, restano ancora sconosciuti persino i nomi delle divinità venerate da un popolo che trovava nella religione uno dei suoi fondamenti.
La stele toscana, una volta ripulita e sottoposta a dettagliati esami, potrebbe quindi rivelare nuove informazioni sull’epoca pre-romana.