Un water d’oro nei bagni del Guggenheim di New York

23 aprile 2016


Dopo il ritiro volontario dal palcoscenico dell’arte, annunciato nel 2011 con la poderosa retrospettiva ospitata dal Guggenheim Museum di New York, l’eclettico Maurizio Cattelan ha scelto il museo newyorkese per comunicare al mondo il suo ritorno artistico sulle scene.

Ancora una volta Cattelan ha saputo stupire il pubblico, cimentandosi in un’impresa non convenzionale: progettare la replica in oro massiccio di un water, destinato a una delle toilette del museo.
Secondo le dichiarazioni dell’artista, riportate dal New York Times, “Si potrà andare in bagno solo per vederlo, ma diventerà un’opera d’arte solo quando qualcuno sarà seduto su di esso, rispondendo a un bisogno fisiologico”.

L’opera dell’artista padovano – famoso anche per la sua attività di curatore e fondatore, insieme a Pierpaolo Ferrari, del magazine Toilet Paper – sarà installata a partire dai primi di maggio, ma ha già scatenato le reazioni più disparate. Oltre a evocare, inevitabilmente, l’intervento di un illustre predecessore, il leggendario Marcel Duchamp, autore dell’iconica Fontana.