Un italiano a Londra: grande mostra su Renzo Piano alla Royal Academy

13 settembre 2018

Italian architect Renzo Piano poses at his workshop in Paris, 2015 Photo © Francois Mori/AP/REX/Shutterstock

Frutto della collaborazione tra Royal Academy of Arts, Renzo Piano Building Workshop e Fondazione Renzo Piano, la retrospettiva Renzo Piano. The Art of Making Buildings è uno degli eventi espositivi di punta dell’autunno londinese. Ricorrendo a una pluralità di opere e documenti – materiale d’archivio, modelli, fotografie e disegni – la monografica intende ripercorrere il processo di progettazione e realizzazione di 16 tra i più significativi interventi dell’architetto genovese e del suo studio, in un’ottica globale.

L’asse temporale preso in esame non può che prendere avvio con gli anni Settanta e con l’edificio che accende i riflettori internazionali su Piano e sul collega Richard Rogers, autori con R. Franchini del celeberrimo di Centre Pompidou, a Parigi.
Tra gli edifici presi in esame dalla rassegna – curata da Kate Goodwin, con lo stesso Renzo Piano e il suo staff – ci sono anche il Centro culturale Jean-Marie Tjibaou di Nouméa (1998), la sede del New York Times (2007) e il Whitney Museum of American Art (2015), entrambi a New York, The Shard a Londra (2012) e la Jérôme Seydoux Pathé Foundation a Parigi (2014).

Molti, inoltre, i materiali di studio esposti in questa occasione, promossa in concomitanza con le celebrazioni del 250esimo anniversario della Royal Academy: è il caso di uno dei modelli originali realizzati durante il processo di progettazione per la Menil Collection di Houston, in Texas, ultimata nel 1986 e inaugurata l’anno successivo. La maquette in mostra è utile per comprendere le modalità con cui l’architetto e il suo team siano arrivati a concepire la soluzione adottata per convogliare la luce naturale all’interno delle gallerie, creando spazi estremamente adeguati alla fruizione e conservazione delle opere d’arte.
Sono state scattate da uno dei più grandi fotografi italiani viventi, Gianni Berengo Gardin, le 32 fotografie che vanno a integrarsi al “centro nevralgico” della mostra. Cuore dell’esposizione è infatti un focus sulla figura dell’architetto genovese, nel quale, oltre alle immagini, viene proiettato un film appositamente commissionato da Thomas Riedelsheimer, che ne mette in risalto la sensibilità personale e l’attitudine alla progettazione, ed è posizionata un’installazione scultorea concepita appositamente da RPBW per la mostra. In quest’opera, cento progetti di Piano sono stati eccezionalmente riuniti in un’isola immaginaria.

Piena soddisfazione è stata espressa dal progettista e senatore a vita, in merito all’iniziativa: “È un onore lavorare con la Royal Academy all’evento inaugurale di architettura delle Gallerie Gabrielle Jungels-Winkler. Questa mostra ha lo scopo di mostrare come costruire edifici sia un gesto civico e una responsabilità sociale. Credo fermamente che l’architettura sia un luogo in cui le persone possano incontrarsi e condividere valori“, ha commentato Piano.

[Immagine in apertura: Renzo Piano nel suo laboratorio a Parigi, 2015. Photo © Francois Mori/AP/REX/Shutterstock]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close