La natura “digitale” di Quayola in mostra a Padova

12 novembre 2019


Secondo Quayola, artista romano classe 1982, la “prima natura” è quella che siamo abituati a conoscere attraverso l’esperienza umana. A questa l’autore contrappone ‒ o meglio, lascia corrispondere ‒ una “seconda natura”: fiori, piante e componenti del mondo esterno, osservati attraverso l’apporto della tecnologia.

NATURA, TRA REALTÀ E FINZIONE

In apertura il 14 novembre negli spazi dell’Orto Botanico di Padova, e realizzata in collaborazione con la Fondazione Alberto Peruzzo e l’Università di Padova, Seconda Natura raccoglie una selezione di opere digitali, tratte dalle serie Remains e Jardins d’Été. Protagonisti dell’uno e dell’altro corpo di lavori sono piante, alberi e foreste, reinterpretati attraverso pennellate computerizzate che riportano su schermo la magia del mondo vegetale.

Poste in dialogo con la storia e gli spazi dell’antico Orto, luogo di studio della scienza botanica, le opere si presentano come sguardi sulla natura filtrati dall’intervento della tecnologia. Un gioco di rimandi tra realtà e proiezione, che resterà aperto al pubblico fino al prossimo 6 gennaio.

[Immagine in apertura: Quayola, Jardins d’Été, 4k video]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close