Altalene, luci e suoni: l’installazione artistica che fa tornare bambini

9 gennaio 2020

Impulse, created by Lateral Office and CS Design in collaboration with EGP Group. Photograph by Ulysse Lemerise / OSA

Vi ricordate il festival Luminothérapieil programma di arte pubblica che ogni inverno illumina il Quartier des Spectacles di Montréal, in Canada? Una delle sue opere più riuscite, presentata nell’edizione 2015 della rassegna (nell’immagine in apertura), ha da poco fatto il suo debutto a New York, trasformando la celebre strada di Broadway in un grande parco giochi luminoso.

Stiamo parlando di Impulse, l’installazione ludica creata dallo studio di architettura Lateral Office e CS Design, in collaborazione con EGP Group.

TRA SUONI E LUCI

Collocata all’angolo fra la 37esima e 38esima Strada della città americana, l’opera consiste in una serie di dodici altalene disposte in sequenza. Messe a disposizione dei passanti, le altalene – di dimensioni variabili, tra i cinque e i sette metri – si illuminano al momento del loro utilizzo, colorando lo spazio urbano grazie al sistema di luci led disposte lungo le strutture.

Ma c’è di più. Una volta azionate, le altalene emettono una serie di suoni e motivi minimal, creati dal sound designer canadese Mitchell Akiyama. Le canzoni variano in base all’intensità del movimento e all’oscillazione delle tavole, creando un effetto fluttuante di luci e rumori diffusi per tutto il quartiere. L’installazione – che nel corso degli anni ha viaggiato illuminando le piazze di diverse città – resterà a New York fino al 31 gennaio.

[Immagine in apertura: Impulse, created by Lateral Office and CS Design in collaboration with EGP Group. Photograph by Ulysse Lemerise / OSA]