Il “lato oscuro” dei Pink Floyd, a Bologna

23 settembre 2019


Non è la prima volta che la galleria bolognese ONO arte decide di rivolgere la sua attenzione a nomi sacri della musica contemporanea. Era già successo nel 2018 con le mostre dedicate a Kurt Cobain e a Bruce Springsteen; l’anno prima, con Patti Smith. Una carrellata di musicisti a cui non potevano non aggiungersi i Pink Floyd (nell’immagine in apertura, © Colin Prime), protagonisti del nuovo progetto espositivo, in apertura il 26 settembre.

Pink Floyd: il lato oscuro offrirà un colpo d’occhio sul percorso della band britannica, nata ufficialmente a Londra nel 1965 grazie al genio sregolato di Syd Barrett, Roger Waters, Richard Wright e Bob Klose. Un viaggio attraverso quaranta fotografie, realizzate dagli artisti che più di tutti hanno accompagnato il gruppo nel corso della sua lunga e travagliata carriera.

A comporre l’itinerario espositivo saranno gli scatti di Storm Thorgerson, Jill Furmanovsky, Baron Wolman e Colin Prime , “componenti” aggiunti alla band che, grazie alla loro costante documentazione fotografica, hanno saputo raccontare eccessi e splendori di una delle formazioni più importanti e influenti di sempre. Un “viaggio” psichedelico tra copertine memorabili, foto live e sguardi privati, percorribile fino al prossimo 30 novembre.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close