Sky Arte HD
SkyArte

Disegni in punta di mouse

28 luglio 2014

pesaro2 (1)

La forma è sostanzialmente la stessa. Anche il peso, la linea, il modo di impugnarle e i movimenti che si fanno usarle. Ma tra l’una e l’altra c’è una distanza abissale, una voragine tecnologica e culturale scavata nello spazio di pochi anni. Da un lato la matita appena temperata, il profumo della grafite, la sensazione tattile della punta che graffia le porosità del foglio. Dall’altro la penna ottica, il flusso delicato di un sensore che scorre su uno schermo touch screen.

Passato e futuro si condensano a Pesaro per la cinquantesima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema: un evento storicamente dedicato al mondo dell’animazione, quest’anno declinato nel rapporto fra tradizione e innovazione. Con uno sguardo particolarmente attento ai metodi, alle tecniche e ai formati narrativi che contraddistinguono la contemporaneità; nel dialogo costante con l’epoca eroica dei cartoon vecchio stile.

Le telecamere di Sky Arte HD indagano con particolare attenzione il lavoro dei maestri della scuola italiana, ripercorrendo l’evoluzione di uno stile che nasce esattamente mezzo secolo fa con Carosello e si spinge fino alle avveniristiche soluzioni degli ultimi tempi. Cento i film prodotti nel Bel paese proposti dal festival, nove le anteprime nazionali: segno della vitalità di un genere tutt’altro che secondario nel panorama del nostro cinema.

A portare il proprio contributo, nel corso di interviste esclusive, le migliori firme del momento. Partendo da Mario Addis, autore dei mitici Johan Padan  e La gabbianella e il gatto , e arrivando a Cristina Seresini, Stefano Massi e Virgilio Villoresi, quest’ultimo apprezzatissimo ideatore di campagne pubblicitarie con animazione in stop motion per brand del calibro di Valentino, Dsquared, Moleskine.

La curiosità – Il regime fascista riconosce le potenzialità del cinema di animazione come ingranaggio della sua macchina di propaganda e dà particolare stimolo alle migliorie per giungere al passaggio dal cosiddetto passo uno (antenato dello stop motion, con i film realizzati filmando pupazzi e marionette) al cartoon vero e proprio. Nel 1935 è lo stesso Walt Disney ad essere ospite di un incontro al Cinema Barberini di Roma, con Galeazzo Ciano a fare gli onori di casa.