Sky Arte HD
SkyArte

Massimiliano Gioni. Ogni… Palazzo ha il suo re

5 settembre 2013

In gioco c’è un sogno atavico, vecchio quanto è vecchio l’uomo. Quello della conoscenza universale, di un sapere che sappia sondare ogni ambito della scienza e della cultura. Utopia irrealizzabile, struggente nella sua volontà di capire, ordinare, afferrare. Un miraggio che si fa arte e diventa lo straordinario museo dell’assurdo di Massimiliano Gioni: il curatore della 55esima Biennale di Venezia accompagna il pubblico di Sky Arte HD nel suo Palazzo Enciclopedico .

Una guida d’eccezione per il primo di una serie di documentari realizzati proprio nei giorni dell’inaugurazione della kermesse lagunare, impressioni a caldo raccolte a pochi minuti dal taglio del nastro. Un’esclusiva passeggiata per gli spazi dell’Arsenale e per quelli dei Giardini, seguendo un cicerone entusiasta e appassionato, che racconta e motiva in prima persona il perché delle proprie scelte.

Un gusto eclettico quello di Gioni, che abbraccia ogni genere di linguaggio e sonda culture tra loro distanti. Si passa dall’istintività dell’art brut, con gli inconsapevoli capolavori di artisti improvvisati, fino alle più robuste prove di maestri del contemporaneo del calibro di Tino Sehgal e Steve McQueen. Sono oltre centocinquanta gli artisti chiamati a portare il proprio contributo, quasi quaranta i paesi di provenienza: un irripetibile atlante di idee, immagini, suggestioni.

Il tutto immaginato e creato nel nome di Marino Auriti, visionario artista autodidatta che quasi sessant’anni fa deposita a New York il brevetto per costruire il suo avveniristico monumento alla cultura universale. Un museo capace di raccogliere tutto lo scibile umano, torre d’avorio alta trenta metri più dell’Empire State Building, mastodontica e inafferrabile. Il Palazzo Enciclopedico. L’originale.

La curiosità – Dicesi Biennale d’Arte. Ma non ci sono solo artisti tra gli artisti invitati al Palazzo Enciclopedico di Massimiliano Gioni. Tra i vari contributi anche quello dell’attore Marco Paolini; ma anche le riflessioni dell’antropologo Roger Callois e di uno dei padri nobili della psichiatria. Carl Gustav Jung, di cui è esposto il celebre Libro Rosso .


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close