Sky Arte HD
SkyArte

Una giornata meravigliosa

14 giugno 2018

Una lunga giornata all’insegna delle Sette Meraviglie italiane attende il pubblico di Sky Arte HD sabato 16 giugno. Dalle prime luci dell’alba al cuore della notte, viaggeremo dal nord al sud dello Stivale, lasciandoci affascinare dalle bellezze architettoniche e paesaggistiche del nostro Paese.

Partiremo da Agrigento, ideale confine tra Grecia e Italia e parco archeologico più esteso al mondo, per poi spostarci a Caserta, con la sua splendida reggia, a Firenze, dominata dalla cupola del Brunelleschi, vero e proprio capolavoro ingegneristico, a Pisa, con la sua celeberrima torre, ma anche con la Piazza dei Miracoli, il Battistero, il Duomo e il Camposanto, a Roma, la cui storia affonda le radici nell’antichità, a Mantova, custode di Palazzo Te, voluto da Francesco II Gonzaga, e a Pompei, protagonista di vicende indelebili.

Ammireremo poi i Sassi di Matera, dichiarati Patrimonio dell’Umanità nel 1993, emblema di una città unica, prima di spostarci a Siracusa, la Pentapoli, con le sue leggendarie vestigia della civiltà mediterranea, a Padova, cornice della straordinaria Cappella degli Scrovegni, unicum architettonico e pittorico reso eccezionale dall’intervento di Giotto, a Ravenna, dove i preziosi mosaici del Mausoleo di Galla Placidia e la calotta absidale di Sant’Apollinare in Classe ci aiuteranno a far luce su tecniche antiche, a Venezia, con la sua iconica Basilica di San Marco, a Urbino, con il suo storico Palazzo Ducale, voluto dalla dinastia dei Montefeltro, e al Cenacolo leonardesco, monumentale capolavoro realizzato dal maestro toscano nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Milano.

Un salto ad Assisi ci garantirà una visita alla splendida Basilica di San Francesco, per poi dirigerci verso Genova e i Palazzi dei Rolli, gli edifici cinquecenteschi più prestigiosi della città, destinati ad accogliere i potenti ospiti della Repubblica durante le loro visite. Saremo poi a Siena, custode, insieme alla sua Piazza del Campo, di una storia secolare. La destinazione successiva sarà la Puglia e l’inestimabile gioiello del Salento, Lecce, vero e proprio simbolo del Barocco. Un altro balzo geografico ci porterà a Torino, nello specifico alla Venaria Reale, reggia voluta dai vari regnanti come edificio e dimora unici nel loro genere. Di nuovo in Puglia, raggiungeremo Castel del Monte, l’edificio fatto costruire nel corso del 1200 da Federico II, e nuovamente Roma e la Via Appia antica, una delle strade più famose al mondo, che riflette la storia di una potenza ineguagliabile.

Scopriremo poi l’eredità artistica e culturale di Palermo, al confine tra Arabi e Normanni e conosceremo Napoli ai tempi di Caravaggio. A due passi da Roma, nel cuore dei monti Tiburtini, visiteremo Tivoli e le sue ville per poi spostarci nuovamente a sud, in Costiera Amalfitana, negli anni della Repubblica. Una decisa virata a nord ci condurrà ad Aquileia, la città nascosta, uno degli insediamenti urbani più grandi e ricchi dell’Impero Romano, a Ferrara, patria della famiglia d’Este e a Verona, dove conosceremo l’epopea della Signoria Scaligera.

A seguire raggiungeremo Paestum, nota in tutto il mondo per i templi greci che, dopo più di duemilacinquecento anni, resistono ancora allo scorrere del tempo, le Ville Palladiane, sontuose dimore che punteggiano la campagna veneta, specie quella vicentina, residenze di signori e di sofisticati mecenati, Cerveteri e Tarquinia, custodi di un importante capitolo della storia del bacino mediterraneo, con protagonista la civiltà etrusca, le Ville Medicee, centri di mecenatismo culturale che rappresentano le dimore in cui per tre secoli la famiglia Medici ha saputo raccontare al mondo la propria grandezza, la Sardegna nuragica, dove memorie di una civiltà antichissima riaffiorano nel complesso nuragico di Barumini, San Gimignano, il borgo murato, ornato da 14 torri, posto su una collina che domina la Val D’Elsa, nel cuore della Toscana, e la Roma barocca, caratterizzata da grandi trasformazioni che interessarono le sue piazze, i suoi palazzi e i suoi luoghi di culto.

Commentate sui social network la speciale giornata attraverso l’hashtag #SetteMeraviglie.