Sky Arte HD
SkyArte

L’anticonformismo di Rino Gaetano

27 dicembre 2017

Copertina Rino Gaetano

Torna, su Sky Arte HD, la serie 33 giri – Italian Masters, un viaggio alla scoperta dei segreti di alcuni dischi indimenticabili firmati da artisti come Lucio Dalla, Franco Battiato o Fabrizio De André, attraverso un racconto che ruota intorno a un elemento chiave: la riapertura delle bobine con i nastri originali delle canzoni.

Perciò tutto inizia proprio davanti al mixer di uno degli storici studi di registrazione dove questi album sono stati realizzati, fornendo l’imperdibile occasione di ascoltare quei brani come mai è stato possibile prima. Attraverso i ricordi e gli aneddoti dei protagonisti che hanno contribuito al successo dell’album (musicisti, produttori, discografici) e gli interventi di artisti che da quell’album hanno tratto ispirazione per la propria carriera, si intraprende quindi un viaggio affascinante all’interno della musica.

Il sesto episodio, in onda mercoledì 27 dicembre, è dedicato a Rino Gaetano e al suo secondo disco, pubblicato nel 1976, Mio fratello è figlio unico, che, pur non essendo il più venduto, ha gettato le basi degli album successivi. Lo storico ufficio stampa del cantautore calabrese, Michele Mondella, ci farà immergere nel mondo in cui Rino Gaetano si muoveva durante la scrittura, l’incisione e la pubblicazione del disco, tra i suoi pensieri e i suoi atteggiamenti da non divo, mentre la sorella Anna rievocherà le sue sfumature caratteriali.

Al mixer il celeberrimo chitarrista Luciano Ciccaglioni ascolterà le tracce del disco insieme al pianista Arturo Stalteri, sottolineando un aspetto meno noto di Rino Gaetano ossia la sua creatività rispetto agli arrangiamenti. In particolare verranno “aperte” le tracce di Berta Filava, Mio fratello è figlio unico e Glu glu. I due intoneranno anche alcuni passaggi strumentali delle varie canzoni, raccontandole in modo unico.

Il primo live è la reinterpretazione esclusiva di Berta Filava da parte di una band che ha partecipato a diversi concerti-tributo a Gaetano ossia la Bandabardò. Il finale, invece, è riservato a Sergio Cammariere, scopertosi cugino di Rino negli anni Novanta, che regalerà una nuova versione di Mio fratello è figlio unico, suonando il piano sulle tracce originali di batteria, basso e voce e restituendo una versione del brano assolutamente inedita.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #33GiriSkyArte.