Sky Arte HD
SkyArte

Un italiano alla corte dei nuovi zar

17 gennaio 2013

Il futuro è adesso, in Russia. Il crollo del regime sovietico, l’esplosione incontrollata del capitalismo, la dilatazione della società nel contrasto insolubile tra i nuovi, potentissimi ricchi e fasce di popolazione al limite dell’indigenza. Il miraggio del successo, il mito di un Occidente assunto a modello finalmente a portata di mano: cronache di ordinaria globalizzazione quelle raccolte da Davide Monteleone. Testimone oculare della nuova Russia.

Con Fotografi, la serie che Sky Arte HD dedica al linguaggio dei più apprezzati maestri italiani dell’immagine, si parte alla volta di Mosca. Città passata senza soluzione di continuità dal soffocante ordine comunista alla disinvolta anarchia di una ricchezza per molti ma non per tutti. Terra di contraddizioni estreme e drammatiche, terra che ha rinnovato il proprio fascino seducente: eletta ormai dieci anni fa a seconda patria da un autentico ramingo dello scatto.

Viaggiatore per necessità intellettuale, Davide Monteleone ha raccontato ogni angolo del globo prima di fermarsi in Russia. Indagando guerre e conflitti sociali, documentando luoghi dove la natura domina imperturbabile e magnifica; ma anche ambiti dove è l’uomo, con il suo inseparabile bagaglio di contraddizioni, ad avere la meglio sull’ambiente. Un fotografo che gioca sul filo della tensione, perennemente a caccia dell’immagine perfetta.

Un lungo processo quello intrapreso per spiegare agli occhi dell’Europa i misteri della nuova Russia. Sviscerata nei suoi aspetti più intimi e intriganti, eleggendo a soggetti privilegiati uomini e donne di ogni estrazione sociale: da perfetti sconosciuti, incontrati nei colorati mercati e nei contesti più degradati, fino allo stesso Vladimir Putin. Monteleone è l’unico fotografo occidentale ad aver potuto ritrarre in veste non ufficiale il nuovo padrone del Cremlino.