Marina Abramović presto a Napoli, tra sacro e profano

22 maggio 2020

Marina Abramović alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia, photo Irene Fanizza

Era il 1974 quando Marina Abramović presentò alla Galleria Studio Morra di Napoli la performance Rhytm 0; un’azione rimasta tra le più note e influenti della storia dell’arte recente, e sicuramente uno dei “manifesti” più eloquenti dell’indagine – poetica, fisica e spirituale – dell’artista di Belgrado.

A distanza di quasi cinquant’anni, e con un percorso professionale che nel frattempo si è infarcito di traguardi straordinari come pochi altri, la “madre” della Performance Art si prepara a tornare nel capoluogo partenopeo. Succede con Estasi, terzo capitolo di un itinerario espositivo partito nel 2019 dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, in programma al Teatro Anatomico di Modena, ma rimandato a causa dell’emergenza sanitaria, e prossimo al suo esordio nella Sala delle Carceri del Castel dell’Ovo, luogo simbolo della città campana.

UN DIALOGO MISTICO

Curata da Casa Testori e prodotta da Vanitasclub, la rassegna (in apertura il 5 settembre) presenta il ciclo di video The Kitchen. Homage to Saint Therese, documentazione visiva della performance realizzata dalla Abramović nel 2009 nell’ex convento di La Laboral a Gijón, in Spagna. Composta di tre proiezioni offerte al pubblico su altrettanti maxi-schermi, e all’interno di una scenografia che si prospetta evocativa, la mostra mette in scena il “dialogo” ideale tra l’artista e Santa Teresa d’Avila, figura tra le più iconiche della Chiesa cattolica.

Sospesa nell’aria e con le braccia aperte in segno di accettazione, la Abramović prende le sembianze della religiosa spagnola, personificandone la devozione e la missione morale: un progetto dal forte taglio mistico in grado di coniugare eleganza, bellezza e riflessione spirituale. Così come nel caso degli altri appuntamenti espositivi che stanno avendo luogo nelle varie regioni d’Italia, la mostra sarà offerta al pubblico nel completo rispetto delle disposizioni governative e di sicurezza previste in risposta all’emergenza sanitaria.

[Immagine in apertura: Marina Abramović alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia, photo Irene Fanizza]