Arte nel Midi. Con Picasso e gli impressionisti

4 Settembre 2014


Qui “c’è qualcosa di più allegro e più dolce che al Nord”  scriveva Vincent Van Gogh, sedotto in modo totale dalla luce, dagli aromi, dalle atmosfera di una delle zone più affascinanti e romantiche d’Europa. Una regione dove il blu del Mediterraneo si abbraccia a quello intenso di un cielo cristallino; dove il giallo esplosivo dei campi di grano si accompagna alle nuance violacee della lavanda, suggerendo fascinose soluzioni cromatiche.

È la Natura ad armare con la propria fantasia la tavolozza degli artisti protagonisti di Notte in Provenza, appassionante serie di incontri con i maestri della pittura che hanno scelto il Midi come luogo per esprimere al meglio la propria creatività. Tra loro naturalmente Van Gogh, di cui ripercorriamo i burrascosi ultimi anni di vita passati in quel di Arles; ma anche altre grandi firme dell’Impressionismo. E non solo.

Parliamo allora di Cézanne, che tratteggiando i severi paesaggi dell’entroterra provenzale, guardando alle propaggini delle Alpi marittime, ha compiuto un passo radicale verso la nascita dell’arte contemporanea; e arriviamo fino a Pablo Picasso: è il nipote Olivier a offrirci un ritratto esclusivo del nonno e delle mitiche estati passate nella sua casa affacciata sul mare della Costa Azzurra, vero e proprio luogo da sogno.

Ma per capire al meglio il fascino esercitato dalla Provenza sui grandi artisti dell’Otto e Novecento è utile compiere un piccolo excursus e spingersi altrove, risalendo la Francia fino alla Normandia. Eccoci dunque a Giverny, nella casa-giardino voluta da Claude Monet per l’amata Alice: un contesto diametralmente opposto rispetto a quello del profondo Sud, ma ugualmente segnato dalla meraviglia di una natura dalla delicata potenza.

Commenta con noi la serata sui social network seguendo l’hashtag #NotteInProvenza

La curiosità – Lo scrittore provenzale più famoso? Jean Giono: autore del memorabile romanzo storico L’ussaro sul tetto  ma soprattutto del racconto breve L’uomo che piantava gli alberi . Un classico che nel 1987 diventa corto animato capace di vincere il premio Oscar.