Foo Fighters: sweet home, Chicago!

10 Novembre 2014


Quanti chilometri abbia percorso correndo dietro la musica non è dato saperlo. Prima come batterista dei Nirvana, poi come leader di Foo Fighters e guest star tutt’altro che occasionale dei Queens Of The Stone Age: l’ironico e irriverente Dave Grohl vive da almeno un quarto di secolo con la valigia in mano, tra tournée internazionali e sedute in studi sparsi in goni angolo del globo. È ora giunto il momento di accompagnarlo.

Esperienza unica e irripetibile quella che il rocker ci regala attraverso le puntate di Sonic Highways, serie di documentari che lo vedono debuttare come regista; e che seguono il suo girovagare per gli States durante i mesi della creazione del nuovo omonimo album dei Fighters. Registrato in diverse località dell’America, con l’appoggio di figure fondamentali per la storia del rock; un’avventura che diventa, nelle parole dello stesso Dave una “lettera d’amore alla storia della musica americana” .

Si parte da Chicago, la città del vento e dei mitici Blues Brothers, dove Grohl e compagni incontrano due veri e propri mostri sacri del rock. Risale ai tempi della registrazione di In Utero  , l’ultimo memorabile album dei Nirvana, il rapporto tra la star e Steve Albini: ecco lo storico producer incontrare nuovamente Dave a vent’anni di distanza da quel lavoro e dalla tragica scomparsa di Kurt Cobain, per un amarcord che tradisce grandi emozioni.

A seguire eccoci entrare in sala d’incisione per lavorare a Something From Nothing , prima traccia del nuovo album dei Foo Fighters. Ad accompagnare la band un ospite d’eccezione: gioca in casa Rick Nielsen, mitico chitarrista e fondatore degli scatenati Cheap Trick, scatenata hard-rock band partita dall’Illinois per conquistare il mondo. Un eroe della musica Anni Settanta, che torna a ruggire insieme ai suoi giovani più colleghi…

La curiosità – Sono i Cheap Trick a suonare Mighty Wings , canzone che accompagna i titoli di coda dell’indimenticabile Top Gun . Film che vede il nostro Giorgio Moroder vincere insieme ai Berlin il premio Oscar per la miglior colonna sonora con la celeberrima Take My Breath Away .