Gli eroi della sei corde

31 Luglio 2015


Su Sky Arte HD è tempo di accendere gli amplificatori, settare le pedaliere e mettere mano alle palette per accordare le chitarre più ruggenti di sempre. È tempo di ascoltare i più grandi Guitar Heroes di tutti i tempi, nel corso di un appuntamento con live travolgenti e interviste esclusive.

La serata di domenica 2 agosto non poteva che avere inizio con Jimi Hendrix: The Guitar Hero, documentario che chiama a raccolta un numero incredibile di musicisti per un tributo collettivo alla star indiscussa di Woodstock.
In soli quattro anni – dal primo singolo Hey Joe del 1966 alla sua tragica scomparsa, a soli 27 anni – Jimi Hendrix ha rivoluzionato il modo di intendere – e suonare – la chitarra elettrica, lasciando in eredità una vera e propria enciclopedia di tecniche strumentistiche e suoni innovativi.
Stasera, a darci un parere artistico sul ruolo svolto da Hendrix nella storia del rock, saranno i suoi stessi “colleghi”: mucistici del calibro di Eric Clapton, Mick Taylor e Slash ci racconteranno dell’influenza esercitata dal grande chitarrista sulla loro stessa musica, nonché sulla scena artistica contemporanea.

Attingendo alle sonorità della musica latina, anche un altro chitarrista ha sviluppato una tecnica senza precedenti, ispirando con il suo stile inconfondibile intere generazioni. Ha attraversato da protagonista oltre quarant’anni di musica, diventando una leggenda assoluta. Carlos Santana è tra i più grandi di sempre e stasera darà lezione direttamente dal palco del prestigioso festival di Montreux, nel corso di una performance indimenticabile che – era l’estate del 2011 – ha incantato il pubblico grazie all’incredibile sequenza di hit in scaletta, un vero e proprio Greatest Hits live: da Black Magic Woman degli anni Settanta, Santana ripercorre in prima serata la sua carriera musicale, fino a giungere alle commistioni pop di brani recenti come Maria Maria.

Impossibile, poi, non farsi conquistare dal ritmo di trascinante sensualità di Sultans of Swing e da altri capolavori come Romeo and Juliet, Love over Gold, Private Dancer… Brani entrati a pieno titolo nella mitologia del rock. Sono alcuni dei successi che avremo il privilegio di riascoltare in Alchemy Live, registrazione del leggendario concerto tenuto dai Dire Straits all’Hammersmith Odeon di Londra la sera del 23 luglio 1983, a chiusura del tour che aveva visto la band impegnata sin dall’anno precedente. È il periodo di massimo splendore creativo di Mark Knopfler e soci: a testimoniarlo, la scelta coraggiosa – e raramente imitata da altri gruppi – di pubblicare il live così com’è, senza ritocchi in studio né sovraincisioni di alcun genere.

A chiudere la nostra serata, un vero e proprio gentleman della musica, famoso per il tipico aplomb britannico e ancor più per la naturale predisposizione per la sei corde: Eric Clapton; compositore dalla spiccata originalità, performer conteso da band di altissimo livello, autore di duetti che hanno fatto la storia. E protagonista indiscusso di una puntata di Rock Legends interamente dedicata alla sua irrefrenabile passione per la musica.

Commenta con noi la serata seguendo sui social network l’hashtag #GuitarNight.