I segreti dell’attore

10 Luglio 2014


Un’ultima lettura al copione, gli appunti segnati a piè di pagina; le amorevoli cure dei truccatori, affaccendati attorno alle luci dello specchio. E poi il costume da indossare, con il rituale della vestizione che ricorda i preparativi sostenuti da un cavaliere prima di scendere sul campo di battaglia; i fugaci momenti di concentrazione prima della chiamata dalla regia. L’addetto che aziona le corde del sipario: si va in scena!

Un piccolo passo per un cameraman, un grande balzo per chi sta davanti allo schermo: Sky Arte HD supera il confine tra finzione e realtà, tra palco e platea, portandoci dietro le quinte dei più interessanti spettacoli del teatro contemporaneo. Tutta in un notte la prima stagione di Camerini, serie che vede Marco Baliani raggiungere i suoi colleghi nel backstage per lunghe e appassionate interviste a viso aperto.

Si parte dall’Orlando Furioso riletto e reinterpretato da Stefano Accorsi, straordinario nel mettere in luce l’incredibile modernità di un personaggio dal fascino senza tempo; e si passa all’inedito talento comico di Pierfrancesco Favino, mattatore assoluto quando si tratta di dare freschezza ai codici mai desueti della commedia dell’arte. Salvo incontrare Valerio Mastrandrea e Rocco Papaleo, ma anche Maria Paiato ed Emma Dante, Pippo Del Bono e il duo Elio De Capitani – Ferdinando Bruni.

Tensioni, emozioni, riflessioni coinvolgenti quelle che nascono dalle informali chiacchierate condotte da Baliani. Capace di scavare nel cuore dei suoi interlocutori, fino a portare alla luce complesse e articolate visioni sull’idea di teatro e, dunque, sulla vita stessa: raccogliendo fotografie ideali scattate da un punto di vista inedito e privilegiato. Quello di chi guarda tutto e tutti da un palco.

La curiosità – Più spettacoli, ma meno pubblico. Esce una fotografia contradditoria del panorama italiano dai dati relativi al primo semestre 2013 (i più aggiornati) resi noti dalla SIAE: il numero di produzioni, rispetto all’anno precedente, è cresciuto dello 0,55%; ma gli spettatori sono scesi del 4%, con una contrazione degli incassi al botteghino superiore al 7%.