Milano Film Festival. Il cinema diventa grande

10 Ottobre 2013


È nato da un atto d’amore incondizionato per il cinema. È stato accudito e cresciuto, curato e anche difeso dalla congiunture che vedono la crisi infierire con accanimento sul settore della cultura. Infine è diventato grande. Compie diciotto anni il Milano Film Festival, rassegna che fa dell’avanguardia e della sperimentazione la sua ricetta. Dieci giorni di fine estate all’insegna della magia della settima arte, un’avventura raccontata in esclusiva dalle telecamere di Sky Arte HD.

Quali migliori ciceroni se non i “papà” del festival? Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini, direttori artistici della rassegna, rievocano i primi passi del progetto, ricordano i protagonisti che si sono avvicendati nel corso degli anni e al tempo stesso svelano i piccoli grandi capolavori che contraddistinguono l’edizione 2013. Un’annata che si conferma, come vuole la tradizione della kermesse, strettamente connessa con la più stringente quotidianità.

Sono tre i registi intercettati da Sky Arte, chiamati a condividere le proprie visioni e il loro modo intimo e peculiare di guardare alla società contemporanea. Anthony Chen è nato a Singapore, ma vive da anni a Londra: il suo orizzonte è quello di una grande metropoli multietnica, terreno di confine e incontro tra culture differenti e distanti, laboratorio dove miscelare linguaggi, visuali, immaginari. Il suo contributo aiuta ad ampliare i confini della mente e della fantasia.

Anche Sylvain George, vecchia conoscenza del Milano Film Festival, può dirsi cittadino del mondo. Con i suoi film documenta le tensioni delle banlieu e quelle della Spagna agitata dai movimenti anti-crisi, intrecciando storie locali unite da una comune e universale necessità di cambiamento. La stessa raccontata da Alessandra Celesia, che rivede e corregge il mito della fuga dei cervelli. Riportando la condizione dell’emigrante italiano ad una atavica dimensione di malinconica fatica.

La curiosità – Ha solo 29 anni. Ed è già considerato – non a torto – uno dei più importanti registi di domani. Anthony Chen porta al Milano Film Festival il suo recentissimo Ilo Ilo , premiato con la Camera d’Or nel corso dell’ultima edizione del Festival di Cannes.