London calling… rispondete, passo!

28 Agosto 2014


Non c’è altra città al mondo dove gli opposti convivono con tanta armonia. Da un lato l’estro più irriverente, la creatività sbarazzina e spesso fuori dagli schemi, sintesi più efficace di genio e sregolatezza; dall’altro l’eleganza, il rigore, la maestosa regalità di una capitale ricca e potente, pienamente consapevole del proprio fascino. Non un luogo come gli altri Londra: a dimostrarlo un’intera serata volta a scoprire i suoi lati più nascosti.

Si parte con l’indagine visuale del regista Julien Temple, che in Londra – La Moderna Babilonia riesce a tracciare un ritratto straordinariamente ricco e composito. Attingendo alla memoria del passato più recente, pescando nel ricordo delle atmosfere squisitamente swinging  ; ma soprattutto guardando a un presente che sa già di futuro. Grazie all’incontro con artisti, stilisti, rocker, blogger: anime creative di una città in costante trasformazione.

National Gallery, Tate, Serpentine e, ovviamente, British Museum: a Londra il binomio tra Art and the City si realizza nella sua forma più matura e completa. David Keeps ci conduce per mano in alcune tra le collezioni pubbliche e private più importanti al mondo, aiutandoci a ricostruire uno scenario che va dalla pittura di maestri come Turner e Constable alla rivoluzione dei vari Damien Hirst e Tracy Emin.

In chiusura di serata eccoci misurare l’asfalto che corre lungo le sponde del Tamigi con Streetosphere: puntata british  per la serie che ci permette di incontrare le più interessanti firme dell’arte pubblica e della street art internazionale. A Londra incrociamo gli sguardi di Christiaan Nagel e Citizen Kane, autori di vere e proprie sculture effimere; ma anche quello di Ben Wilson, eretico nel trasformare in arte persino le… gomme da masticare!

Qual è l’angolo di Lonhdra che ti emoziona di più? Commenta con noi la serata sui social network, usando l’hashtag #NightInLondon

La curiosità – Lo street artist più famoso del Regno Unito? Ovviamente Banksy! Diverse le sue opere sparse per Londra, al punto che è nata un’app per smartphone e tablet che suggerisce percorsi turistici legati alle sue gesta, costruendo (alla modica cifra di una sterlina e 99 centesimi) un inedito tour per le strade della città.