Metti una sera i Queen a casa Bertallot…

10 ottobre 2014


Lui qui ci vive. E ci crea. E da qui parla, attraverso l’etere e le frequenze virtuali di una apprezzatissima web radio. Qui accoglie gli amici artisti, qui semina e raccoglie idee virtuose che germogliano in forma di musica. Qui, a Milano, Alessio Bertallot ha messo su casa. E sala prove. E studio radiofonico. Tutto in un unico spazio, tutto allo stesso indirizzo. Quello di Casa Bertallot, teatro di un nuovo rivoluzionario progetto targato Sky Arte HD.

Nasce dalla collaborazione con Red Bull il progetto Variazioni Bertallot, modo del tutto inedito di portare la musica dentro il piccolo schermo. Trasformato in palcoscenico che si dilata all’infinito, facendosi piattaforma per le sperimentazioni più ardite e affascinanti: nel campo musicale, ovviamente, ma anche in quello delle arti visuali. Per una convergenza di emozioni e suggestioni dai risultati appassionanti.

Si parte da una canzone. Pura e semplice. Assunta a testo base sul quale riscrivere e reinventare, aggiungere o limare: grandi protagonisti della scena contemporanea si divertono a destrutturare il pezzo per riviverlo secondo la propria sensibilità e alla luce del proprio percorso creativo. Immaginate allora cosa succede, nel corso della prima puntata, nel dare in pasto ai Bud Spencer Blues Explosion in combutta con Saturnino una certa We Will Rock You .

Mentre Matteo Capobianco, aka Ufocinque, lavora ai suoi stencil sullo sfondo di una tambureggiante colonna sonora elettronica, frutto della fantasia dei ragazzi della Red Bull Academy, procede la costruzione di quello che – più che una cover – diventa un vero e proprio live remix. In attesa che, nei prossimi episodi, tocchi agli scatenati Calibro 35, ai Blue Beaters, all’inedita coppia formata da Ghemon e Ron…

Commenta con noi la puntata sui social media seguendo l’hashtag #VariazioniBertallot

La curiosità – Sempre un passo avanti Alessio Bertallot, fin da quando era la voce della band Aeroplanitaliani. Loro la prima canzone rap mai portata al Festival di Sanremo: era il 1992 e Zitti zitti (Il silenzio è d’oro)  vinse il Premio della Critica.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close