Misteriosa Marilyn

22 Marzo 2013


È inarrivabile icona di bellezza; prima autentica diva di Hollywood, capace di lasciare un segno indelebile nella storia del cinema e in quella del costume. A Marilyn Monroe è dedicata una nuova puntata di Vite da Star, la serie che svela con documenti e interviste inedite i segreti dei più amati nomi del grande schermo. Un omaggio dovuto ad una regina splendida e sfortunata, vittima inconsapevole del suo stesso successo.

A raccontare la portata rivoluzionaria che la figura di Marilyn ha avuto all’interno del mondo del cinema e dello show-business sono il critico inglese Derek Malcolm, la sceneggiatrice Angela Allen e il giornalista di costume Andrew Bevan. Ma soprattutto chi ha lavorato e vissuto a stretto contatto con una delle più intriganti icone del ‘900: Tony Curtis, suo compagno sul set e nella vita; Curtice Taylor ed Eli Wallach. A fianco della diva nel suo ultimo film.

Una pellicola maledetta quella di “The Misfits”, girato nel 1961: è l’ultima volta che Marilyn assiste a un ciak conclusivo; destino che la unisce a Clark Gable, altro mostro sacro di Hollywood, scomparso poche settimane dopo la fine delle riprese. La testimonianza di Wallach, amico dell’attrice, riporta le tensioni sul set e il difficile rapporto della troupe con Paula Strasberg, invadente insegnante di recitazione di cui la diva sembrava essere letteralmente succube.

La voce di chi ha condiviso le gioie e i dolori di Marilyn permette di ricostruire un ritratto intimo e delicato di una personalità tanto esuberante quanto fragile. È lo stesso Wallach a raccontare dei litigi di Marilyn con Arthur Miller, esasperato dai tradimenti dell’attrice; ed è Tony Curtis, amante e confidente della Monroe, a svelarne il lato più tenero e infantile.