Gli spensierati anni Ottanta

9 Ottobre 2015


Batterie elettroniche, tastiere effettate, cotonature avventurose, abiti luccicanti, effetti speciali. Una spensieratezza esibita al punto da risultare ostentata, rifugio sicuro in un’epoca che risponde con la seduzione dell’effimero all’impegno della stagione precedente. La macchina del tempo di Sky Arte HD ci porta indietro nel tempo fino ai mitici Anni Ottanta: per una serata in musica che evoca atmosfere che hanno lasciato un segno profondo nella cultura popolare.

La rivoluzione pop degli anni Ottanta vive grazie al piccolo schermo. È con la creazione di MTV che cambia radicalmente il modo di ascoltare e fruire musica, ma anche il rapporto tra gli artisti e il proprio pubblico. Bon Jovi, Queen, Cure: una carrellata completa quella che Sky Arte HD propone con I video che inventarono gli Anni Ottanta, percorso che segue l’evoluzione di dinamiche che travalicano i confini dell’industria discografica e si trasformano in complessi fenomeni di costume.

La serata prosegue con la sfida a distanza tra gli antesignani delle boy band di oggi. A calcare il palco virtuale per primi sono gli Spandau Ballet, di nuovo insieme a vent’anni dal loro ultimo tour per cantare nuovamente hit del calibro di Gold; a seguire tocca ai Duran Duran scaldare gli animi dei fan. Nell’intervista concessa da Nick Rhodes e Simon LeBon emerge il racconto di una stagione vissuta a velocità supersonica.

A proposito di anni Ottanta e figure che hanno segnato un’epoca, la nostra carrellata tra le icone del decennio non poteva prescindere dalla signora Ciccone: in un altro speciale, I mille volti di Madonna, riusciremo finalmente ad avere un ritratto della famosa popstar a 360 gradi. Se già come cantante e attrice sapeva far parlare di sé, Madonna ha saputo reinventare la sua immagine nel corso degli anni, fino a rappresentare molto più di una celebrity presso l’opinione pubblica: conosciamola qui nel ruolo – pubblico e privato assieme – di donna, moglie e madre che ha impersonato con grandissimo rigore e senso del dovere.

Commenta con noi la serata sui social network usando l’hashtag #Anni80.