Il regista napoletano e il poeta di Recanati

22 giugno 2015

Mario Martone e Stefano Accorsi

Se guardiamo alle ultime opere firmate da Mario Martone, ci sarà facile indovinare quale libro abbia scelto di raccontare a Stefano Accorsi e al pubblico di Sky Arte HD, nella nuova puntata di Parole che restano in onda lunedì 22 giugno in prima serata.

Già nel 2011, lo sceneggiatore e regista – teatrale e cinematografico – napoletano ha infatti portato in scena quelle stesse Operette morali di cui stasera ripercorrerà i suoi passi preferiti.
Se già l’opera teatrale si è aggiudicata il Premio leopardiano La Ginestra, per la capacità di rendere attuale il messaggio del poeta di Recanati, il successo di pubblico e critica si è ripetuto lo scorso anno, quando Martone ha presentato alla Mostra del Cinema di Venezia il film Il giovane favoloso: protagonista della pellicola è proprio Giacomo Leopardi, impersonato da Elio Germano.

Nel corso della puntata, il regista ci restituirà l’immagine che si è fatto del sommo poeta italiano: un Leopardi vitale e combattente, a dispetto delle sue condizioni di salute e del pessimismo che domina la sua visione della vita.
Lo stesso tragico disincanto che è alla base delle Operette morali, pubblicate nel 1827, in cui ugualmente possiamo percepire un tono ironico, una vena comica. È, questa, l’ultima forma di resistenza che un artista può opporre alla realtà: una spinta ideale che permette di superare la pura constatazione dei drammi della vita, esprimendo così un desiderio di cambiamento che non può dirsi mai davvero sconfitto.

Commentate sui social network la nuova puntata della serie attraverso l’hashtag #ParoleCheRestano.