La regia secondo William Friedkin

28 Febbraio 2019


Maestro della settima arte, il protagonista di Friedkin Uncut ‒ Un diavolo di regista, il documentario in onda venerdì primo marzo su Sky Arte, vincitore del titolo di Miglior documentario sul cinema ai Nastri d’Argento 2019, ha diretto pellicole di culto quali Il Braccio Violento della Legge, L’Esorcista, Sorcerer, Cruising e Vivere e morire a Los Angeles.

Nella pellicola firmata da Francesco Zippel, per la prima volta William Friedkin si mette in gioco in maniera diretta e guida il pubblico in un viaggio attraverso i temi e le storie che maggiormente hanno influenzato la sua vita e il suo percorso artistico.

Il titolo del documentario allude alla schiettezza stilistica di Friedkin e anche alla sua eccezionale abilità di storyteller. Ma Friedkin non è l’unico a prendere la parola: un cast stellare di amici e collaboratori ‒ tra cui Wes Anderson, Francis Ford Coppola, Dario Argento, Quentin Tarantino e Gianandrea Noseda ‒ ha deciso di partecipare a questo film che, da semplice omaggio, si trasforma in una riflessione corale sul significato di essere artisti e sulla bellezza e necessità di porsi in discussione per ottenere risultati memorabili.