Elio e le Storie Tese raccontati da Mal

12 Gennaio 2016


Siete fan degli EelST da sempre, non vi siete mai persi un loro disco – figurarsi uno dei tanti, leggendari exploit di cui sono stati capaci nel corso della loro carriera! Eppure siamo certi che qualcosa, dei primi tre LP firmati da Elio e le Storie Tese, non vi sia ancora noto. Ad esempio l’identità del loro produttore segreto: Paul Bradley Couling, alias Mal dei Primitives.

È quanto sostiene il film-documentario a episodi Elio e le Storie Tese – Non tutti i Mal vengono per nuocere, in onda su Sky Arte HD in prima visione a partire da domani sera, nell’ambito dello Speciale Elio e le Storie Tese. Ennesima trovata di una band allergica a qualsiasi definizione, l’originale pellicola ci catapulterà in un universo parallelo, creato dalla fantasia di Elio e compagni, dove gli EelST sono diventati addirittura più famosi dei Beatles. Tutto questo per merito del loro scopritore Mal, “produttore occulto” dei primi grandi successi – Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu del 1989, Italyan, Rum Casusu Çikti del 1992 ed Esco dal mio corpo e ho molta paura del 1993.

A raccontare questa storia segreta di esordi inconfessati sarà proprio il leader dei Primitives – accompagnato da Tatiana Barbashova – che ci guiderà attraverso gli esordi del gruppo, raccontandoci il making of – realmente accaduto, questo sì! – dei dischi eliani delle origini. Nella prima puntata in onda domani sera Mal presenta Elio Samaga Hukapan Karyiana Turu, album di debutto della band meneghina. Immagini dell’epoca ci faranno rivivere l’emozione dei primi concerti del gruppo sul palco dei locali underground milanesi.

Nel secondo episodio dell’ironico documentario, Mal presenta Italyan, Rum Casusu Cikty, disco intitolato come una frase apparsa su un quotidiano turco in merito a un fatto di cronaca verificatosi all’inizio degli anni Novanta. Grazie a una serie di riprese girate durante il live tenuto dalla band a Fanzolo di Vedelago nel 1992, potremo riascoltare un’incredibile antologia di brani ormai diventati dei veri e propri classici.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #EeLSTSkyArte.