La musica senza confini del No Borders Music Festival

16 Novembre 2020

No Borders Music Festival

Musica e natura sono protagoniste del documentario in onda su Sky Arte martedì 17 novembre, un resoconto della 25esima edizione del No Borders Music Festival, andato in scena la scorsa estate.

A fare da cornice alla rassegna è stato un comprensorio davvero unico, posto al confine tra Italia, Austria e Slovenia, un crocevia tra l’Europa occidentale e orientale, a riprova del carattere inclusivo della kermesse, che punta a superare qualsiasi barriera linguistica, sociale e geografica, nel segno della sostenibilità ambientale.

Il festival, infatti, sprona i partecipanti a esplorare (a piedi e in bicicletta) alcuni dei luoghi naturalistici più incontaminati e suggestivi del territorio: dai Laghi di Fusine, i laghi di origine glaciale posti alla base della catena montuosa del Gruppo del Monte Mangart, all’Altopiano del Montasio, passando per il Monte Canin (Rifugio Gilberti), che si affaccia sia sul territorio italiano sia su quello sloveno.

Avremo quindi l’opportunità di rivedere le esibizioni di artisti del calibro di Elisa, Brunori Sas, Diodato, Manu Chao, Mannarino, Luka Šulić, Remo Anzovino e Mario Biondi, tra gli ospiti dell’ultima edizione.