Il lato nascosto dell’arte

21 Marzo 2018


L’arte che prende forma nell’ombra, in dimensioni nascoste e clandestine, è il tema della nuova puntata di Artbox, in onda giovedì 22 marzo, presentata dalla cripta di San Sepolcro a Milano, ospite delle opere video di Bill Viola. Nel corso dell’episodio, l’attenzione si sposterà sulla scena queer e underground di Kiev, in Ucraina, ritratta dal tedesco Tobias Zielony con video e fotografie in mostra nello spazio milanese di Lia Rumma. Il progetto di Zielony, intitolato Maskirovka, racconta di una società in cui tutti portano maschere ‒ gli agenti segreti di Putin, i manifestanti nelle piazze, i frequentatori dei party techno.

Nell’anonimato, lontano dagli sguardi, nelle foreste e nei cimiteri, lavoravano anche gli artisti neri nel Sud segregazionista degli Stati Uniti, i cui assemblaggi di materiali di recupero sono al centro della mostra Revelations, presso il museo De Young di San Francisco, la prima esposizione a rendere davvero giustizia a quella parte sommersa della cultura nordamericana.

Il tema del riuso emergerà nuovamente in chiusura di puntata. Attraverso tecniche e materiali diversi, i grandi quadri di Sally Ross, in mostra alla Collezione Maramotti di Reggio Emilia, evocano paesaggi e mappe misteriose. La recensione d’autore stavolta è affidata al critico e curatore Diego Sileo, che racconta una delle mostre determinanti all’interno del suo percorso, quella dedicata a Frida Kahlo dalla Tate Modern di Londra nel 2005.