La storia del Premio Nobel Nadia Murad

29 Gennaio 2019


Si intitola Sulle sue spalle la pellicola diretta da Alexandria Bombach, in onda mercoledì 30 gennaio su Sky Arte. Protagonista assoluta la giovane Nadia Murad, cui è stato conferito il Premio Nobel per la Pace lo scorso 10 dicembre, a fronte dell’impegno e del coraggio nel divulgare la tragedia del popolo Yazidi, colpito dalla furia dell’Isis.

Dopo essere sopravvissuta al genocidio degli Yazidi nell’Iraq del nord nel 2014 ‒ durante il quale anche la sua famiglia fu sterminata ‒ ed essere sfuggita ai carcerieri che l’avevano ridotta in schiavitù, la giovane Nadia Murad, a soli 23 anni, testimonia davanti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU e la sua voce viene ascoltata in tutto il mondo. Da quel momento Murad assume il ruolo di attivista nella speranza di fermare il genocidio in atto e di portare i comandanti dell’Isis davanti alla giustizia.

Il film segue Nadia durante la sua campagna, mettendone in luce la determinazione e il desiderio di verità, ma anche la fatica nel destreggiarsi fra burocrazia, politica e notorietà.